Isola d'Elba, 17 ottobre 2021 - Spaventoso incendio all'isola d‘Elba. Le fiamme che hanno devastato parte dell'isola sono state alimentate tutta la notte dal vento. Con uno sforzo importante delle numerose squadre di volontariato antincendio e degli operai forestali, intorno alle 3 l'incendio scoppiato a Castacoli è stato messo sotto controllo. Sono state "giuntate" diverse centinaia di metri di tubazioni per arrivare con molta fatica a spengere i 400 metri di fronte attivo di uno dei più vasti incendi scoppiati all'isola d'Elba negli ultimi anni.

In questo momento stanno operando 20 squadre di volontariato, oltre al direttore delle operazioni di spegnimento, l’assistente alle operazioni di spegnimento e due squadre di vigili del fuoco, giunti sull'isola con l' ultimo traghetto e un elicottero regionale sta effettuando diversi lanci di supporto alle operazioni, in particolare nella zona più impervia e difficilmente raggiungibile del fronte.

A terra inizia adesso il lavoro più faticoso fatto di molta manualità per realizzare una larga staccata con rastri e zappe fra la parte bruciata e la vegetazione e spengere ogni piccola brace che potrebbe fare ripartire le fiamme. Sono previste molte ore di impegno visto che le previsioni meteo parlano ancora di vento e bassa umidità condizioni ancora favorevoli alla propagazione del fuoco. Per questo si raccomanda di evitare gli abbruciamenti. Molti degli incendi di questi giorni sono dovuti a questo tipo di operazione agricola effettuata in previsione della raccolta olive e delle castagne.

Il rogo era divampato nella mattinata di sabato 16 ottobre e nel primo pomeriggio sembrava domato ma in serata i focolai hanno ripreso forza. Evacuate per precauzione alcune abitazioni nella zona delle Formiche.

L'incendio era scoppiato intorno alle 11 della mattina, tra le zone di Castancoli (nel comune di Campo nell‘Elba, in un‘area impervia e di difficile accesso, già percorsa in passato da incendi importanti), Sassi Ritti, Moncione fino a lambire le cave di granito. Il forte vento ha fatto temere che l‘incendio potesse sfuggire al controllo. Le condizioni in cui è divampato infatti hanno messo a dura prova la macchina anticendio con uomini e mezzi impegnati in una dura lotta per contrastare le fiamme. Le cause sono tutte da valutare.