Firenze, 3 agosto 2021 - Un certificato che cambierà in parte la nostra vita. In tempo di covid l'istituzione del green pass del governo modificherà l'accesso ad alcuni luoghi della nostra quotidianità. A partire dai ristoranti, di cui si è parlato molto, non senza polemiche. Ma non solo: ci sono molti luoghi che vedranno l'obbligo di green pass all'ingresso ma che ancora non sono stati "messi a fuoco" dagli italiani. 

Green pass: la guida definitiva, come ottenerlo

I luoghi di cultura

Sono i luoghi di cultura che da venerdì 6 agosto vedranno il green pass obbligatorio all'ingresso. Dovrà essere esibito o in forma cartacea, con il certificato scaricabile in pdf, oppure in forma digitale, con il qr code che può essere custodito nel proprio smartphone. Per luoghi di cultura si intende in particolare i musei di tutta Italia. La Toscana è particolarmente interessata a questo, visto che qui ci sono alcune delle strutture museali più famose del mondo, a partire dalle Gallerie degli Uffizi a Firenze. Green pass ad esempio anche per visitare da turisti i luoghi di culto. A Firenze dal 6 agosto 2021, per chi desidera visitare i monumenti del Duomo di Firenze (Cattedrale, Cupola del Brunelleschi, Campanile di Giotto e Battistero) e il Museo dell'Opera del Duomo sarà obbligatorio esibire il green pass. Ma c'è un distinguo: nei luoghi di culto italiani come le chiese non servirà il green pass se si accede per pregare o per partecipare a una Messa. 

Green pass, le richieste dei negozianti al Governo

image

Gli alberghi

Non servirà il green pass per alloggiare in un hotel. Su questo il Governo è stato subito chiaro. Un turista che acquista una camera non deve esibire il certificato verde. Serve però una maggiore chiarezza sugli ospiti che pranzano o cenano al ristorante dell'hotel stesso: serve o non serve in quel caso il green pass? Le associazioni di categoria su questo chiedono una risposta netta. 

I bambini

I minori di 12 anni non dovranno esibire il green pass in tutti i luoghi in cui invece i maggiori di 12 anni devono esibirlo. La Certificazione non è richiesta, inoltre, per accedere da parte di bambini e ragazzi ai centri educativi per l'infanzia e ai centri estivi incluse le relative attività di ristorazione. Fino ai 12 anni dunque il green pass è un documento facoltativo. E' possibile fare richiesta di green pass per i bambini da due anni in su. Fino ai 6 anni non è necessario fare il tampone per richiedere la certificazione. Dai 6 anni in poi per ottenerlo, ripetiamo in maniera facoltativa, serve un tampone negativo o il certificato di avvenuta guarigione.