Ricasoli, il Barone di ferro: grande anima dell’Italia Risorgimentale

Domani a Firenze si terrà un convegno per approfondire la figura di Bettino Ricasoli, politico, statista e fondatore de La Nazione. Saranno affrontati vari aspetti della sua vita, tra cui il suo ruolo nel successo del vino Chianti. Un'occasione per riscoprire un protagonista dell'Italia risorgimentale.

Ricasoli, il Barone di ferro: grande anima dell’Italia Risorgimentale
Ricasoli, il Barone di ferro: grande anima dell’Italia Risorgimentale

Conoscere tutto sul personaggio Bettino Ricasoli: politico, statista, rivoluzionario cattolico liberale. E ancora sindaco di Firenze, presidente del Consiglio del Regno d’Italia, protagonista del successo mondiale del vino Chianti. Naturalmente fondatore del quotidiano La Nazione.

Domani nella Sala d’Arme di Palazzo Vecchio, a partire dalle 16, un convegno organizzato dal Comune di Firenze farà ancor più luce su questo uomo sorprendente. Tra i partecipanti la vicesindaca Alessia Bettini, il presidente della Fondazione Nuova Antologia Cosimo Ceccuti (che parlerà di Ricasoli come politico e statista), la teologa Anita Norcini Tosi (il titolo del suo intervento è Un rivoluzionario cattolico liberale, da sindaco di Firenze a presidente del Consiglio del Regno d’Italia), il presidente dell’associazione Amici dei musei e dei monumenti fiorentini Ulisse Tramonti che affronterà gli aspetti legati alla trasformazione urbanistica di Firenze.

Ci sarà un focus anche su La Nazione e qui il relatore sarà il vicedirettore Luigi Caroppo. Spazio anche al proprietario e presidente della società agricola Barone Ricasoli, Francesco Ricasoli: racconterà il ruolo di protagonista del successo del vino italiano più conosciuto al mondo, il Chianti.

Sarà poi la volta di Niccolò Rosselli Del Turco, già presidente della sezione toscana dell’Associazione dimore storiche italiane, sul tema Bettino Ricasoli e il palazzo Ricasoli da Brolio. In chiusura, con Fulvio Conti, docente di storia contemporanea dell’Università degli Studi di Firenze spazio al Fantasma di Bettino.

"Una figura sorprendente per le sue mille sfaccettature - ha affermato la vicesindaca e assessora alla cultura di Palazzo vecchio Alessia Bettini -, che vogliamo raccontare nei suoi diversi ruoli e nel grande contributo che ha portato alla crescita della società del suo tempo. Un’occasione per riscoprire a 360 gradi un vero protagonista dell’Italia risorgimentale".

Niccolò Gramigni