chimera
chimera

Arezzo, 7 settembre 2018 - ​Il Baby Acquatic’s Day anticipa la stagione dei più piccoli della Chimera Nuoto. L’evento rappresenta il tradizionale appuntamento per vivere una lezione gratuita di “Nuoto 0-4 anni”, fornendo ai genitori l’opportunità di scendere in vasca con i figli e di passare insieme a loro una mattinata in piscina: l’appuntamento è fissato per domenica 9 settembre al palazzetto del nuoto di Arezzo e per domenica 16 settembre alla piscina comunale di Foiano della Chiana. Queste giornate permetteranno alle famiglie di conoscere un’attività che ha l’obiettivo di accompagnare i neonati a muoversi in acqua fin dai primi mesi di vita e ad acquisire sicurezza, favorendo il loro sviluppo affettivo, cognitivo, linguistico e motorio. A garantire il percorso è la Chimera Nuoto che è stata tra le prime realtà del centro Italia ad essersi specializzata nell’insegnamento del nuoto baby e che può fare affidamento sulle competenze di tecnici e istruttori periodicamente aggiornati sugli sviluppi didattici della disciplina.

In entrambe le date ad Arezzo e a Foiano della Chiana, il Baby Acquatic’s Day prenderà il via dalle 9.30 alle 11.00 con l’attività rivolta ai neonati dai tre ai ventiquattro mesi, mentre dalle 11.00 alle 12.30 sarà la volta di chi ha tra i due e i quattro anni. I due gruppi saranno prima accolti dai tecnici della Chimera Nuoto che mostreranno gli spogliatoi e spiegheranno le varie fasi precedenti all’ingresso in piscina, poi inizierà la vera e propria lezione tra giochi, percorsi e laboratori acquatici. L’intero percorso si svolgerà guidato dalle indicazioni dei maestri e, allo stesso tempo, rassicurato dalla presenza costante dei genitori: il babbo e la mamma stanno in piscina con il figlio per vivere insieme a lui questa esperienza e per realizzare le attività proposte. «Il “Nuoto 0-4 anni” rappresenta uno dei fiori all’occhiello della nostra attività - commenta Marco Magara, direttore sportivo della Chimera Nuoto. - In tanti anni di corsi abbiamo strutturato una didattica che, in alcuni casi, ha permesso di imparare a nuotare prima ancora che di imparare a camminare, stimolando nei neonati la sicurezza e la serenità nei confronti dell’ambiente acquatico. Questa attività psicomotoria, svolta sempre insieme ai genitori, previene l’annegamento e l’obesità, stimola l’appetito, accelera lo sviluppo del cervello, rinforza il cuore, sviluppa il linguaggio, favorisce il sonno e abbassa lo stress: i Baby Acquatic’s Day ogni anno riuniscono decine di famiglie, dunque rinnoviamo l’invito a provare queste giornate gratuite».