Gubbio (Perugia), 1 ottobre 2017 - Il Gubbio centra la sua prima vittoria stagionale superando con merito, un Sudtirol manovriero e ben organizzato che ha combattuto e lottato fino all’ultimo per evitare la sconfitta. Il successo dei rossoblù eugubino è stato figlio di una prestazione che ha saputo coniugare organizzazione e carattere, provando e riprovando a forzare la ragnatela predisposta da Zanetti per neutralizzare spazi e soffocarne l’ispirazione. Baldan, Sgarbi e Frascatore a chiudere su un generoso Marchi ed un Casiraghi più ispirato del solito, Berardocco, Smith ed un ottimo Cia a duellare in mezzo con Giacomaro e Ricci, mentre Tait da una parte e Zanchi dall’altra presidiavano le corsie esterne senza tuttavia impedire a Kalombo e Lo Porto, Ciccone e Cazzola di costruire e rilanciare insidie e proposte. In difesa poi Burzigotti e Dierna non si facevano sorprendere dal duo Gyasi e Fink.

Al 17’ un fendente alto di Gyasi, al 25’ una sventola di Giacomarro deviata da Baldan, al 30’ Marchi arrivava in ritardo di un soffio su un suggerimento di Cazzola, al 40’ una rete di Tait era annullata per fuorigioco ed al 43’ una punizione di Casiraghi finiva d’un soffio sopra la traversa. Nella ripresa l’avvio del Gubbio era più determinato e dopo una bella parata di Volpe su Gyasi (17’), al 18’ andava in gol con una diagonale di Cazzola a conclusione di un’azione di rimessa portata avanti con Casiraghi. Al 30’ splendida girata al volo di Costantino, da poco in campo, fuori di poco ed al 42’ una bella parata di Offredi su Sampietro che aveva sostituito Giacomarro. La firma sulla legittimità di un successo che rilancia e tranquillizza.