Assisi, 4 luglio 2016 - «INDIVIDUARE illustri personaggi per turismo e cultura? Coinvolgiamo padre Enzo Fortunato che ha dimostrato, con i fatti, di essere uno dei grandi organizzatori di eventi della nostra nazione. Toto-giunta? Si parla troppo di assessori e poco delle cose da fare, mentre ci sono delle priorità». Così l’ex sindaco facente funzione Antonio Lunghi, a pochi giorni dall’insediamento del nuovo consiglio comunale nel quale siederà anche lui, propone alcune riflessioni all’attenzione del sindaco Stefania Proietti.

«AD ASSISI è vero che dobbiamo costruire degli eventi stabili, cioè ripetuti nel tempo, e di forte rilevanza mediatica, ma questi devono essere legati e coerenti con la storia di Assisi: assonanti con la nostra identità di città – aggiunge Lunghi –. Penso al Giardino dei Gentili/di Francesco o alla ricorrenza delle Giornate di preghiera in ricordo dello Spirito di Assisi voluto da S. Giovanni Paolo II. Ecco perché ritengo che vada coinvolto padre Fortunato. Non c’è nemmeno bisogno di nominarlo assessore: basta individuare persone che in questi anni hanno collaborato con lui in queste iniziative: cito per tutti Paolo Ansideri».

SULLE COSE da fare, Lunghi punta l’indice sulla decisione di trasmettere in diretta streaming il consiglio comunale. «Ritengo che si farà ricorso a un service esterno il cui servizio avrà sicuramente un costo. Ho sempre ritenuto che era più importante e necessario sostituire  l’impianto di amplificazione della Sala della Conciliazione, cosa che peraltro non sono riuscito a realizzare».

LUNGHI, poi, individua alcune priorità, che sottopone all’attenzione del primo cittadino: riorganizzazione della struttura amministrativa del Comune, in particolare servizi operativi, uscieri, settore turismo, patrimonio, vigili e sicurezza; sportello del cittadino il sabato mattina a Santa Maria degli Angeli; 4 vigili di zona a Petrignano e Rivotorto; riqualificazione dell’Isola Ecologica del Ponte Rosso e realizzazione di una nuova isola ecologica in Petrignano, con sistema di premialità per chi le utilizza; un intervento di edilizia economico popolare; studio per utilizzo dei fondi del PSR; riqualificazione del complesso sportivo di Fossa Caroncia; progetto di rilancio e valorizzazione del «Prodotto Assisi«; utilizzo del Marchio Conventional Bureau.