Montecatini Terme (Pistoia), 27 gennaio 2018 - Sono due fratelli albanesi le vittime della violenta aggressione avvenuta venerdì sera, poco prima di mezzanotte, al bar Dany di via Toti, a Montecatini.

Si tratta di un 21enne (D.H.) portato in codice giallo a Pescia e di un 24enne (A.H.) portato in codice rosso a Pistoia.

I due, residenti a Pieve a Nievole, erano insieme a un connazionale alle slot all'interno del bar; poi - per motivi che sono al vaglio dei carabinieri - i è iniziata una lite via smartphone con un'altra persona che non era nel locale. "Vieni qui se hai coraggio", o una frase del genere, quella che i bulli si rivolgono per provocarsi. Solo che lo sconosciuto all'altro capo del telòefono non ci ha pensato due volte e ci è andato davvero.

Il maggiore dei due fratelli è uscito dal locale e ha affrontato l'uomo, che ha estratto un coltello e ha ferito il 24enne all'addome e alla gamba. La baraonda ha richiamato l'attenzione del 21enne, accorso in aiuto del fratello, ma colpito anche lui dai fendenti. L'aggressore è scappato a piedi e di lui si sono perse le tracce.

Il 24enne è stato operato d'urgenza al San Jacopo ed è ricoverato in gravi condizioni in Rianimazione. Il più giovane è a Pescia e non è in pericolo di vita.

Sul posto sono intervenuti i carabinieri della compagnia di Montecatini e del nucleo investigativo di Pistoia, che hanno sentito i testimoni, eseguito i rilievi, visionato le telecamere di sorveglianza. I milityari sospettano che l'aggressore sia un connazionale delle vittime, con le quali non hanno potuto parlare perché sedate. Ma anche l'analisi dei telefonini dovrebbero dare presto un nome a chi ha ferito gravemente i due fratelli.

Luca Boldrini