Lucca, 3 dicembre 2016 - Mancano poche ore al referendum sulla riforma costituzionale. Domani, domenica 4 dicembre, si potrà votare dalle 7 alle 23, mostrando un documento d’identità e la tessera elettorale. In assenza di quest’ultima perché smarrita o rubata, o anche qualora dovesse essere deteriorata o completa se ne può richiedere un’altra all’ufficio elettorale del proprio Comune. Oltre al Comune di Lucca, gli altri Comuni della provincia chiamati al voto sono 32:

ALTOPASCIO

BAGNI DI LUCCA

BARGA

BORGO A MOZZANO

CAMAIORE

CAMPORGIANO

CAPANNORI

CAREGGINE

CASTELNUOVO DI GARFAGNANA

CASTIGLIONE DI GARFAGNANA

COREGLIA ANTELMINELLI

FABBRICHE DI VERGEMOLI

FORTE DEI MARMI

FOSCIANDORA

GALLICANO

MASSAROSA

MINUCCIANO

MOLAZZANA

MONTECARLO

PESCAGLIA

PIAZZA AL SERCHIO

PIETRASANTA

PIEVE FOSCIANA

PORCARI

SAN ROMANO IN GARFAGNANA

SERAVEZZA

SILLANO GIUNCUGNANO

STAZZEMA

VAGLI SOTTO

VIAREGGIO

VILLA BASILICA

VILLA COLLEMANDINA

Il referendum non è soggetto a quorum, quindi sarà valido indipendentemente dal numero dei votanti. 

Ai seggi, ciascun elettorale riceverà un’unica scheda, con riportato il quesito referendario e, sotto, due distinte caselle: il Sì e il No. I cittadini favorevoli alle modifiche apportate alla Costituzione dalla legge Costituzionale tracceranno un segno sul «Sì»; i cittadini non favorevoli alle modifiche apportate alla Costituzione dalla legge Costituzionale tracceranno invece il segno sul «No». Il testo completo della legge costituzionale è consultabile sul link http://www.interno.gov.it/it/italiani-voto-referendum-costituzionale

Voto domiciliare

La normativa in vigore prevede che possono essere ammessi al voto domiciliare, oltre agli elettori “affetti da gravi infermità che si trovino in condizioni di dipendenza continuativa e vitale da apparecchiature elettromedicali tali da impedirne l’allontanamento dall’abitazione in cui dimorano” anche gli elettori “affetti da gravissime infermità tali che l’allontanamento dall’abitazione in cui dimorano risulti impossibile anche con l’ausilio dei servizi di trasporto pubblico, che i comuni organizzano in occasione di consultazioni.

Voto assistito 

Accompagnamento in cabina. Sono interessate le persone che hanno necessità di essere accompagnate in cabina elettorale aiutati da un altro elettore volontariamente scelto a questo scopo.