Grosseto, 22 gennaio 2018 - Un campione con la c maiuscola. Un tennista esemplare, un'icona del tennis maremmano, un uomo che non molla mai. E che anche davanti agli infortuni è sempre tornato più forte che mai. Angelo Tanganelli, tennista castiglionese di 54 anni, è salito sul tetto d'Europa e si è messo al collo due medaglie d'oro. Tanganelli infatti ha vinto due ori all'ultimo campionato europeo indoor senior di tennis che si è svolto in Austria. Vittoria nel singolare over 55 e vittoria anche nel doppio over 55 per il tennista maremmano che ha dato spettacolo a Seefeld, in Austria, dove si sono svolti i campionati senior indoor di tennis. Su 600 tennisti arrivati da tutta Europa, al Tennis Club di Seefeld i complimenti sono stati tutti per Angelo Tanganelli, che tra Castiglione della Pescaia, Rocchette e Follonica è oramai un esempio per i più giovani, per grinta, classe e voglia di non mollare mai. “Amo il tennis e quando gioco lo faccio sempre per vincere – ha detto Angelo Tanganelli dopo il doppio trionfo -, sono felice di questo successo perché è arrivato nonostante io abbia qualche acciacco. Sono stato fermo due anni per un problema alla spalla, e tornare a vincere è sempre bellissimo”. Nel singolare maschile il tennista di Castiglione della Pescaia ha battuto in finale un altro italiano, Paolo Zingale, superato 6-3 2-6 6-0, dopo aver eliminato il forte tedesco Christian Oppitz in semifinale con un doppio 6-4. “Ero in forma – spiega Tanganelli -. Ma mi sono dovuto adeguare a giocare su un campo veloce e per di più in altura, visto che giocavamo a 1500 metri. Era un tennis diverso alla mia normalità, ma grazie alla preparazione del mio amico Riccardo Papini mi sono presentato in grande forma”. Tanganelli ha vinto anche il doppio, in coppia con Zingale, vincendo in finale per via del ritiro della coppia tedesca formata da Gersdorf e Konofsky. Un doppio successo che lo ripaga di tanti sacrifici e duri allenamenti. “E' anche grazie al Ct Follonica – dice – se ho raggiunto questo risultato, e grazie ai maestri Gitto e Di Lazzaro. Con questo successo sono adesso 12 o 13 del mondo. Prima ero trentanovesimo”. Tanganelli ha vinto il carriera tanto: campione del mondo a squadre nel 2013 e 2014, è stato anche numero tre del mondo in singolare nel 2014 e nello stesso anno numero 6. Adesso, seppur con qualche doloretto, è tornato ai massimi livelli.