Grosseto, 13 settembre 2017 - Due corsi di formazione per eccellere nel mondo agro alimentare. Dal marketing all'agricoltura di precisione l'occupazione riparte dalla formazione: è questo il diktat su cui si basano i due corsi altamente specialistici della Fondazione Istituto tecnico superiore E.A.T – Eccellenza Agro-alimentare Toscana. Da domani ci saranno gli open day per i corsi Farmer 4-0 e Food identity management che inizieranno ad ottobre. Ieri c'è stata la presentazione del progetto nell'azienda Frank&Serafico a Spergolaia - nel cuore del Parco naturale della Maremma. "Le aziende sono disposte ad assumere – ha detto Pierpaolo Pratesi, titolare dell'azienda Frank&Serafico -, ma hanno necessità di tecnici preparati e che sappiano portare tutta la loro carica innovativa". Alla presentazione dei due corsi c'erano, oltre ad alcuni neo diplomati interessati, anche Luca Sani, presidente della Commissione agricoltura della Camera, Leonardo Marras consigliere regionale Toscana e Maria Chiara Montomoli del settore Programmazione formazione strategica, istruzione e formazione tecnica superiore della Regione Toscana. I corsi Farmer 4.0 o Food identity management prenderanno avvio a ottobre, garantiranno la formazione di nuove figure professionali e pronte per entrare da subito nel mondo del lavoro. Ad affermarlo la direttrice della Fondazione E.A.T., la dottoressa Paola Parmeggiani. “Duemila ore di corso di cui ottocento in azienda – ha spiegato la direttrice -. Almeno il 60 per cento dei nostri docenti viene dal mondo del lavoro e la media nazionale di occupazione per chi esce da un percorso di un istituto tecnico superiore è oltre dell'ottanta per cento. Numeri importanti che danno il senso della grande opportunità che può cogliere chi ha appena terminato i propri studi nelle secondarie di secondo grado e vuole mettersi in gioco sin da subito". La direttrice Parmeggiani ha poi presentato i due nuovi corsi che avranno luogo a Grosseto e a Cortona in provincia di Arezzo. Quello grossetano è dedicato al marketing e alla comunicazione per la valorizzazione delle produzioni agro-alimentari mentre quello di Cortona sarà incentrato sull'agricoltura di precisione con un partner di grande rilievo, Bonifiche ferraresi. .
“Il mondo dell'agro-alimentare italiano di qualità deve misurarsi costantemente con difficoltà vecchie e nuove – ha aggiunto il presidente della Fondazione E.A.T., Fabrizio Tistarelli -. Il mondo si è globalizzato in un unico mercato e il made in Italy è tra le merci più ambite e contraffatte. Ecco che allora fare eccellenza nel rispetto della nostra storia, della nostra cultura, della nostra tradizione è sempre più difficile”. Gli open day saranno domani e giovedì rispettivamente nella sede della Fondazione in via Giordania a Grosseto e al centro convegni S. Agostino di Cortona. A partire dalle 17.