Firenze, 6 dicembre 2017 - I militari del Radiomobile di Figline Valdarno hanno denunciato a piede libero tre ragazzi di Firenze, tutti incensurati: un infermiere 35enne, un fisioterapista 28enne e un operaio 28enne. I giovani, nella casa dove convivono, avevano creato delle perfette serre artigianali per la coltivazione della canapa indiana, un esempio di “giardinaggio fai da te” che avrebbe permesso loro di procurarsi la sostanza stupefacente direttamente dal ripostiglio di casa.

I militari, a seguito di un ordinario controllo a Volognano (Rignano sull’Arno), intorno alle 15, hanno sorpreso uno dei tre a bordo della propria auto che, in sosta al margine della strada, armeggiava con qualcosa che, alla vista dei militari, si era affrettato a nascondere. I Carabinieri se ne sono accorti e hanno perquisito il mezzo trovando mezzo grammo di hashish.

A quel punto, insieme ai carabinieri del Nucleo Radiomobile del Comando Provinciale di Firenze, è stata effettuata la perquisizione dell’abitazione. Già all'ingresso i militari hanno sentito il forte odore di marijuana.

Alla fine è stato trovato tutto il necessario per costruire una serra fai-da-te: tre piantine di canapa indiana con altezza tra i 3 ed i 6 centimetri, ventilatore, aeratore, prese/timer, lampade al led e al sodio ad alta pressione e quant'altro.

Oltyre alla piccola serra in camera ce n'era un'altra in un ripostiglio della cucina nascosto dietro una porta di legno occultata da un poster, serra artigianale di più ampie dimensioni con due piante di canapa indiana di altezza media di 1,55 m colme di infiorescenze pronte per la raccolta.

I tre "giovani botanici” sono stati denunciati.