Giorgia Meloni alla Versiliana: il pubblico (Foto Umicini)
Giorgia Meloni alla Versiliana: il pubblico (Foto Umicini)

Marina di Pietrasanta (Lucca), 23 luglio 2021 - «Le affermazioni di Draghi sono efficaci ma imprudenti. Draghi ieri ha detto che l'invito a non vaccinarsi è invito a morire. Se sei per l'obbligo vaccinale abbi il coraggio di farlo». Così il leader Fdi Giorgia Meloni presentando il suo libro al Caffè de La Versiliana a Marina di Pietrasanta (Lucca). Meloni viene intervistata dalla direttrice de La Nazione Agnese Pini. 

Per Meloni «Stiamo picconando il nostro stato di diritto. Questi sono precedenti che pagheremo».

Link all'intervista video

"Sul green pass - dice poi Meloni - non sono d'accordo, la considero una misura inefficace, economicida, una misura che uccide la nostra economia. Nasceva da parte dell'Ue per favorire il turismo, applicato alla vita sociale, e in Italia quando non viene applicato negli altri paesi vuol dire far fallire un'altra stagione turistica. Se devi esibire un certificato per essere libero significa che non sei libero". 

Riguardo al vaccino il leader di Fratelli d'Italia dice "Sì mi vaccino, non sono no vax, non sono contraria ai vaccini". Ma sul tema del vaccino ai bambini: "Non sono contraria al vaccino ma se mi chiedi di vaccinare mia figlia di 12 anni neanche in catene. Mia madre ha dei problemi e l'ho fatta vaccinare cinque mesi fa, ma secondo me vaccinare un bambino di 12 anni è un errore".

Dal tema sanitario a quello politico: «Il centrodestra - dice Meloni - può giocarsi una partita sul prossimo capo dello stato e eleggere un presidente della Repubblica che non abbia come obiettivo quello di tutelare i suoi ma le regole della Costituzione, tutelare i cittadini e il popolo italiano. Non ho condiviso alcune scelte di Napolitano e poi di Mattarella che disse nella prima parte del Covid che finché c'è una maggioranza io devo prenderne atto, anche se nella Costituzione non c'è scritto. Poi ha chiesto una maggioranza per Draghi perché non su può votare per il Covid. È quando arriva la tempesta che il popolo deve decidere. In tutto il resto del mondo si votava anche con il Covid»