L’allarme bomba fa deviare il Corteo storico

Allarme bomba a Foligno prima del Corteo storico della Quintana: ritrovato ordigno bellico della Prima guerra mondiale. Deviazione del percorso della sfilata. Si prepara la Sfida al Campo de li giochi per il Palio di Diego Miguel Mirabella. Divieto di vendita di alcolici durante l'evento.

L’allarme bomba fa deviare il Corteo storico

L’allarme bomba fa deviare il Corteo storico

Allarme bomba prima della partenza del Corteo storico della Quintana. Un piccolo ordigno bellico risalente alla Prima guerra mondiale è stato ritrovato nel piazzale di un condominio in via Pietro Gori. Sul posto sono intervenute le forze dell’ordine, in attesa degli artificieri per la messa in sicurezza dell’area, delimitata e sotto osservazione. L’ordigno era ben conservato ed è stato ritrovato in un angolo. Il ritrovamento dell’ordigno ha causato anche una deviazione dei figuranti della sfilata, che sarebbero dovuti passare per via Oberdan ma che invece hanno deviato per via Piermarini, evitando di percorrere tutta via Oberdan. Intanto è arrivato il momento della Sfida al Campo de li giochi. Questa sera occhi puntati sull’otto di gara per sapere chi si guadagnerà il Palio di Diego Miguel Mirabella, il fantastico drappo ‘Senza titolo (La sfida)’. L’ordine di partenza per la prima tornata c’è, così come i cavalli con cui i cavalieri scenderanno in campo. Il Rione Ammanniti avrà Mattia Zannori su Franceschina, La Mora schiera Luca Morosini su Può succedere; il Giotti Riccardo Raponi su Daytona Man; il Croce Bianca Lorenzo Savini su Sopran Hadley; il Badia Lorenzo Melosso su Texas Cactus; Tommaso Finestra su Romantic walk; Luca Innocenzi su Guitto; Mario Cavallari su Miss Baker; Raul Spera su Run to Me; Contrastanga Daniele Scarponi su Temesvar. Tre tornate senza errori e nel minor tempo per vincere la Giostra. Il percorso è di 754 metri, segnato ad otto sulla pista del Campo. Si tratta di una prova di abilità e destrezza perché nella corsa i cavalieri devono infilare un anello con la lancia. Il sindaco Stefano Zuccarini ha ordinato, dalle 19 fino al temine della manifestazione, il divieto di vendita o somministrazione, sia in sede fissa che in forma itinerante, da qualsiasi esercizio, di bevande alcoliche superiore ai 5 gradi. Divieto all’interno e nelle immediate pertinenze della Giostra. Analogo divieto anche ieri.