Il ricordo di Emanuele Petri Vittime del terrorismo L’iniziativa della Regione

Appuntamento a Palazzo Cesaroni per la commemorazione del sovrintendente ucciso dalle brigate rosse. Tornano alla ribalta le presunte indagini su Narducci.

Il ricordo di Emanuele Petri  Vittime del terrorismo  L’iniziativa della Regione
Il ricordo di Emanuele Petri Vittime del terrorismo L’iniziativa della Regione

Una mattinata per celebrare il Sovrintendente di Polizia Emanuele Petri (nella foto), ucciso dalle Nuove brigate rosse il 2 marzo 2003 e per ricordare il suo insegnamento. In occasione della Giornata dedicata alla memoria delle vittime del terrorismo, il presidente della Commissione “Analisi e studi su criminalità organizzata ed infiltrazioni mafiose“ del Consiglio regionale, Eugenio Rondini e la vicepresidente Simona Meloni, hanno organizzato un momento commemorativo per la figura di Petri. L’appuntamento è per domani alle 10.30 presso la Sala Brugnoli di Palazzo Cesaroni e diventa incontro di forte attualità in seguito alla vicenda su alcune presunte indagini che Petri avrebbe svolto su Francesco Narducci, trovato cadavere anni fa al Trasimeno e ritenuto il presunto mostro di Firenze (tesi smentita nel corso degli anni da indagini e sentenze).

All’incontro prenderà parte la scrittrice Cinzia Corneli, autrice del romanzo “Le ferite di marzo“, donato dall’autrice al Ministero dell’Interno - Dipartimento della pubblica sicurezza ed entrato a far parte integrante del libro istituzionale “Un poliziotto di nome Lele“, opera uscita per l’occasione e dedicata alla storia e alla memoria del sovrintendente insignito della Medaglia d’oro al Valor civile.