Quotidiano Nazionale logo
17 feb 2022

Cna: "Pnrr, attirare risorse per le imprese"

Indagine sui fondi già allocati e sulle aspettative del tessuto imprenditoriale. Giannangeli: "La Regione avvii al più presto un confronto"

Roberto Giannangeli, direttore di CNA Umbria, rivolge un invito alla governatrice Donatella Tesei
Roberto Giannangeli, direttore di CNA Umbria, rivolge un invito alla governatrice Donatella Tesei
Roberto Giannangeli, direttore di CNA Umbria, rivolge un invito alla governatrice Donatella Tesei

PERUGIA - "È fondamentale aprire subito un confronto tra la Regione e le rappresentanze delle imprese per riuscire ad attrarre in Umbria quote importanti dei fondi resi disponibili dal Pnrr per il sostegno ai sistemi produttivi locali". Roberto Giannangeli, direttore di CNA Umbria, rivolge un invito alla presidente della giunta regionale, Donatella Tesei, a margine della presentazione dei dati contenuti nella ricerca sui fondi del Pnrr commissionata al centro studi Sintesi. "Finora gli enti locali, a partire dalla Regione, hanno svolto un ottimo lavoro, grazie al quale 800milioni di euro risultano già allocati nel nostro territorio di cui, oltre all’ente regionale, beneficeranno anche dodici comuni con più di 15mila abitanti. Ora c’è bisogno di un ulteriore sforzo per sostenere anche i progetti presentati dai comuni più piccoli, ma soprattutto per dar vita a progetti condivisi, che si pongano l’obiettivo di far crescere le imprese locali e che possano essere finanziati grazie al piano nazionale di ripresa e resilienza. Perciò riteniamo indispensabile che la Regione avvii al più presto un confronto costruttivo sul Pnrr anche con le imprese. Il rischio, altrimenti, è che solo alcuni campioni possano beneficiare di sostegni importanti per lo sviluppo, con l’esclusione del grosso del sistema delle imprese". "I progetti già finanziati nell’ambito di bandi emanati dai vari ministeri hanno portato in Umbria l’1,6% dei 49miliardi di euro del Pnrr già attribuiti a livello territoriale – dichiara Alberto Cestari, ricercatore di Sintesi -. In particolare, degli 800milioni di euro destinati all’Umbria, oltre 300 sono andati a progetti relativi alla Transizione verde ed ecologica. Alle Infrastrutture invece sono andati 165milioni di euro, mentre poco più di 38milioni finanzieranno progetti relativi l’Istruzione e la ricerca, in modo particolare il rafforzamento e l’ampliamento degli asili nido e delle scuole d’infanzia. Altri 173milioni sono stati stanziati per progetti di inclusione e coesione. ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?