Inceneritore: "Arrivare alla chiusura"

Il Movimento 5 Stelle ad Agliana si impegna per la chiusura dell'inceneritore di Montale, nonostante una diminuzione dei consensi elettorali. Lavoro sodo e riflessione dopo le elezioni.

Inceneritore: "Arrivare alla chiusura"

Inceneritore: "Arrivare alla chiusura"

"Stiamo dialogando con Guido Del Fante e c’è un confronto aperto che coinvolge anche il Regionale". Una comunicazione che è arrivata da Susanna Zinzocchi, rappresentante del gruppo territoriale pistoiese del Movimento 5 stelle: "La nostra priorità è arrivare alla chiusura dell’inceneritore e fare quanto possibile per questo risultato. Stiamo chiedendo garanzie precise al Pd, a tutti i livelli, vogliamo un impegno netto". Il Movimento 5 stelle nonostante una candidatura a sindaco di spessore, quella di Alessandro Bartolini, per quarant’anni noto e apprezzato medico di famiglia ad Agliana, ha visto i propri consensi elettorali dimezzati rispetto a cinque anni fa: il 10,7 per cento nel 2019, questa volta il 5,24%. Sia in questa campagna elettorale che negli ultimi dieci anni di presenza nel consiglio comunale di Agliana, il Movimento 5 stelle ha sempre avuto attenzione alle questioni ambientali e alla chiusura dell’inceneritore di Montale. Il consigliere uscente del M5s, Massimo Bartoli, aveva anche presentato una mozione in consiglio comunale per la riconversione dell’inceneritore in impianto di trattamento per pannolini. Venne approvata all’unanimità, ma non ha avuto seguito. "Siamo l’unica forza credibile nella lotta per la chiusura dell’inceneritore di Montale – ha dichiarato recentemente il M5s –. Lotteremo in tutte le sedi per la chiusura in tempi brevi". E sull’esito di queste elezioni: "E’ necessario un momento di riflessione, a livello locale e nazionale, sugli errori fatti e sulle cose che potevano essere svolte meglio. Ad Agliana abbiamo lavorato sodo, per informare la cittadinanza sul nostro programma elaborato insieme al nostro candidato sindaco Alessandro Bartolini. Probabilmente non è stato sufficiente".

Piera Salvi