Larcianese, che beffa. Festa Pietrasanta al 94’

Si ferma la corsa della squadra di Cerasa messa al tappetto da Raffaeta

Larcianese, che beffa. Festa Pietrasanta al 94’

L’allenatore della Larcianese Maurizio Cerasa

Pietrasanta

1

Larcianese

0

PIETRASANTA: Citti, Lorieri, Laucci, Bondieli (13’ st Tosi), Genovali, Ceciarini, Szabo, Vaselli, Mengali (43’ st Pinelli), Ghelardoni (33’ st Raffaeta), Falorni (19’ st Mancini). All. Della Bona.

LARCIANESE: Venturini, Porciani, Lo Russo, Marianelli, Sheta, Fusco, Dinucci (10’ st Iannello), Pini (1’ st Foresta), Ndiaye (35’ st Errachid), Guarisa, Biagioni (39’ st Lenti). All. Cerasa.

Arbitro: Castorina di Lucca

Marcatore: 49’ st Raffaeta.

In pieno recupero la Larcianese subisce la rete della sconfitta segnata dal subentrante Raffaeta che manda in estasi il Pietrasanta. Il gol è nato da un traversone di Laucci. Sulla palla è intervenuto in tuffo Raffaeta che ha segnato. Una sconfitta immeritata quella che interrompe la striscia positiva di una Larcianese a cui è mancato davvero soltanto il gol, ma non la prestazione. Ko che lascia molta amarezza nell’ambiente viola per il momento in cui è arrivata (in pieno recupero) e per il fatto che la Larcianese aveva giocato un’ottima gara.

La cronaca della partita inizia con un’occasione, all’undicesimo minuto, capitata a Guarisa, il cui tiro di sinistro viene respinto dal portiere locale. Al 20’ si registra la prima azione pericolosa dei padroni di casa. La conclusione di Mengali viene respinta da una deviazione decisiva del difensore Lo Russo. Al 31’ Venturini compie un autentico capolavoro, che para su un colpo di testa ravvicinato di Mengali. Al 45’ la Larcianese ha una doppia occasione con Guarisa. La prima conclusione in mezza rovesciata viene deviata in corner da Citti. Sul susseguente calcio d’angolo Guarisa devia di testa verso la porta avversaria, ma trova un’ottima risposta del portiere del Pietrasanta che para. Nella ripresa la Larcianese continua a creare occasioni e a otto minuti dal novantesimo va vicinissima al gol, ma sulla conclusione di El Rachid, il difensore Ceciarini riesce a respingere sulla linea di porta. Poi al 94’ il gol beffa.

Massimo Mancini