Quotidiano Nazionale logo
7 mag 2022

Motta: "Arrabbiato per l’ingiustizia subìta"

Il mister ha commentato il clamoroso errore arbitrale nel match contro la Lazio. "La squadra è concentrata al massimo per domenica"

fabio bernardini
Sport
Mister Thiago Motta
Mister Thiago Motta
Mister Thiago Motta

di Fabio Bernardini

"Sono arrabbiato, i ragazzi hanno subito un’ingiustizia costata punti importanti per la classifica". È un Thiago Motta furente quello che ieri, senza tanti giri di parole, ha commentato il clamoroso errore arbitrale avvenuto nel corso del match Spezia-Lazio: "In quell’episodio non esistono giustificazioni o interpretazioni diverse, non c’è una persona al mondo che possa dire che Acerbi non era in fuorigioco. I ragazzi avrebbero meritato risultati diversi dalla sconfitta, tutto questo mi fa arrabbiare perché loro lavorano e si impegnano duramente tutti i giorni per ottenere ciò che avrebbero meritato. È un’ingiustizia che ha toccato i miei ragazzi e loro non si toccano, non riesco a nascondere la mia grande rabbia. Ripeto sono molto, molto arrabbiato, non mi avete mai visto così e spero di non avere mai più questo umore prossimamente".

Incalzato sullo stato di salute della squadra, anche a livello psicologico, dopo il durissimo colpo patito sabato scorso, Motta ha risposto sicuro: "I miei giocatori stanno alla grande, sono meravigliosi. Dopo quello che è successo abbiamo parlato molto, loro hanno assimilato la nostra idea che è quella di lasciarsi alle spalle ciò che è successo, per concentrarsi sul match contro l’Atalanta. È chiaro che sono essere umani che hanno risentito di ciò che è successo, ma la loro preparazione durante la settimana è stata ottimale. In questi giorni hanno svolto un lavoro enorme, con tantissima determinazione, concentrazione, impegno per affrontare al massimo il match di domenica contro una grande squadra qual è l’Atalanta".

Sollecitato su possibili variazioni nell’undici titolare, con il ritorno di Bastoni, il tecnico aquilotto ha lanciato un altro messaggio ad effetto: "Detto che Bastoni sta benissimo, nella formazione iniziale metterò i nomi di tutti i tifosi che saranno al ‘Picco’. E il primo nome sarà quello del nostro Gianfranco Maggiari. I nostri supporter, come sempre, saranno i nostri titolari perché sono sempre stati al nostro fianco e lo saranno anche in questa occasione".

"Il nostro pubblico - ha aggiunto - è importantissimo. Sono d’accordo con l’ex aquilotto Nicola Madonna quando, al vostro giornale, ha affermato che il ‘Picco’ può colmare il gap tecnico tra noi e l’Atalanta. I nostri sostenitori sono utilissimi per noi, sono al nostro fianco perché vedono il nostro impegno e la nostra abnegazione in linea con la nostra filosofia".

Immancabile un passaggio sull’Atalanta: "È una squadra molto forte che rispettiamo - ha spiegato il trainer italo-brasiliano -, allenata da un bravissimo allenatore che conosco benissimo. A Bergamo avevamo giocato molto bene i primi 25’, però in Serie A, contro queste squadre, occorre mantenere il livello di competitività per l’intero arco della gara. Per questo motivo sono importanti i titolari e i subentranti".

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?