Vincenzo Italiano durante Venezia-Fiorentina (Ansa)
Vincenzo Italiano durante Venezia-Fiorentina (Ansa)

Firenze, 23 ottobre 2021 - Dopo la brutta figura di Venezia, la Fiorentina di Vincenzo Italiano cerca il riscatto subito contro il Cagliari (Stadio "Franchi", domenica 24 ottobre ore 15) in una gara ricca di motivi a partire dalla posizione di Vlahovic dopo la rottura con la società sul rinnovo del contratto e la contestazione di alcuni tifosi al termine della gara in laguna.

Il caso Vlahovic

Il tecnico viola, nella conferenza stampa di presentazione della gara, è perentorio: "Su questa vicenda io non voglio più rispondere, ero stato chiaro anche la settimana scorsa, durante la conferenza prima del Venezia. Sicuramente, sul campo, dobbiamo cercare di dare una grossa mano ai nostri attaccanti. Dusan deve essere rifornito di più. Mi auguro di sentire uno stadio a supporto della Fiorentina e dei suoi calciatori. Ogni tifoseria deve avere la capacità di spingere la squadra per tutto l'arco della partita - ha aggiunto - Alla fine, facendo come si fa a teatro, se si è soddisfatti, si applaude, sennò si fa quel che si vuole".

Rendimento altalenante

“Non esistono realtà senza alti e bassi, e quando si è in costruzione può capitare di fare un po’ fatica nella crescita. Ripeto, siamo in costruzione, e dopo otto giornate è difficile essere perfetti. Stiamo cercando la nostra identità e siamo in linea con i nostri programmi. Sono il primo ad essere arrabbiato per il risultato di Venezia. Non dobbiamo abbatterci e deprimerci, ma reagire già domani sfruttando il turno casalingo. Il campionato è ancora lungo. A Venezia abbiamo avuto il pallino del gioco”.

Occasioni da sfruttare

“Bisogna arrivare più convinti sul pallone. Il guizzo, la giocata e l’istinto possono aiutarci nel chiudere le azioni offensive. L’ho sempre detto: dobbiamo attaccare benissimo, con la voglia di incidere e fare un goal di più rispetto agli altri”.

L'avversario

 “Il Cagliari è una squadra con calciatori di grande esperienza e talento. In questa categoria può ottenere tanto. La squadra di Mazzarri arriva da una vittoria, quindi carica e ricca di entusiasmo. Domani ci aspetta una partita difficile, dovremo stare molto molto attenti”.

L'infermeria

“Da inizio settimana è tornato a disposizione Castrovilli. Gaetano ci è mancato in questo periodo, ha caratteristiche importanti, così come Gonzalez. Kokorin sta ancora male e purtroppo al momento abbiamo ‘perso’ anche Pulgar”.

Scelte di formazione

“Ho sempre grande fiducia negli undici che mando in campo. La squadra che è scesa in campo a Venezia è la stessa che ha battuto l’Atalanta a Bergamo. Le valutazioni che faccio, le faccio per il bene di tutti e per il bene della squadra”.