Treedom
Treedom

Firenze, 21 settembre - Ci sono anche il campione del mondo di Formula 1 Nico Rosberg e il capitano della nazionale Giorgio Chiellini tra gli investitori di Treedom, il primo sito al mondo per piantare alberi a distanza in progetti di sostenibilità ambientale e sociale, nato a Firenze undici anni fa. L'azienda fiorentina ha annunciato infatti un aumento di capitale da 10 milioni. Un'operazione perfezionata dallo studio Pedersoli, grazie alla quale Treedom punta a consolidarsi sul mercato europeo, sviluppando ulteriormente la piattaforma digitale e inaugurando nuovi progetti di piantumazione nel mondo.

Tra gli investitori, oltre a Rosberg e Chiellini, la holding Exor N.V., DVR Capital e la piattaforma globale Ourcrowd, Luigi de Vecchi, Andrea Guerra, Giovanni Moratti, Allegra e Alessia Antinori, Pietro Valsecchi. I nuovi soci completano il recente investimento di 3 milioni da parte di Banca Generali tramite il suo fondo 8A+ Real Innovation. Dopo la sede in Germania, Treedom ha da poco inaugurato quella di Londra e nei prossimi mesi aprirà a Parigi e Amsterdam.

Dal 2010, anno della sua fondazione, a oggi, sono stati piantati più di 2 milioni di alberi in Africa, America Latina, Asia e Italia. Ad occuparsene sono contadini locali. Ciascun albero piantato ha una pagina online, viene geolocalizzato e fotografato, può essere custodito o regalato virtualmente agli amici.

“Questa idea di business sociale combinata con l’assoluta trasparenza credo sia vincente” ha detto il campione di Formula 1 Nico Rosberg. “L'approccio di Treedom mi ha convinto fin dall'inizio, perché anch'io credo che si debbano offrire alle comunità locali opportunità attraverso la sostenibilità. Solo in questo modo si può realizzare un cambiamento duraturo”.

“Quando, qualche mese fa Rosberg ci ha contattato – ha spiegato Federico Garcea, amministratore delgato di Treedom - siamo stati felicissimi. Certo, lo conosciamo come idolo dello sport, ma soprattutto ci hanno colpito la sua consapevolezza in materia di sostenibilità e le sue lungimiranti decisioni di investimento. Quando ci siamo incontrati a Berlino per suggellare la partnership, ho detto a Nico: immagina l'impatto che potremmo avere se ogni persona o azienda in Europa regalasse un albero anche solo una volta all'anno. Questa è la nostra visione condivisa, rendere il mondo più verde, un albero alla volta".