Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
la Nazione logo
17 giu 2022

Maggio, la Finanza a caccia di carte

Un altro blitz, stavolta a Palazzo Vecchio, nell’ambito della doppia indagine sulle spese del Sovrintendente

17 giu 2022
Alexander Pereira, sovrintendente del Maggio Musicale
Alexander Pereira, sovrintendente del Maggio Musicale
Alexander Pereira, sovrintendente del Maggio Musicale
Alexander Pereira, sovrintendente del Maggio Musicale
Alexander Pereira, sovrintendente del Maggio Musicale
Alexander Pereira, sovrintendente del Maggio Musicale

FIRENZE

Continuano le acquisizioni da parte della guardia di finanza riguardanti il Maggio Musicale e le spese “pazze“ del suo sovrintendente, Alexander Pereira.

Le Fiamme Gialle, nelle ultime ore, si sono recate anche a Palazzo Vecchio per entrare in possesso di documentazione riguardante lo statuto dell’ente e la regolamentazione delle spese tramite la carta di credito assegnata al suo rappresentante più in vista.

Pereira non risulta indagato e anche il fascicolo aperto dalla procura, è in attesa di una migliore definizione.

Gli accertamenti in corso, che per altro corrono paralleli a quelli avviati pure dalla Corte dei Conti, servono infatti a stabilire l’esatta qualificazione dell’ente e di conseguenza l’ipotesi di reato: peculato (se il Maggio fosse “pubblico“) o appropriazione indebita, se al contrario l’ente di Pereira venisse equiparato a un’azienda privata.

Ma contestualmente gli investigatori della guardia di finanza dovranno stabilire se i rimborsi al sovrintendente sono dovuti o meno. E se nell’ambito del suo mandato, egli avesse o meno questo ampia disponibilità e discrezionalità di spesa.

Sono circa sessantamila euro in due anni, i costi rendicontati con la carta di credito dell’ente, oppure rimborsati al sovrintendente se sostenuti con la propria. Soldi che sono serviti a pagare hotel prestigiosi, ristoranti, ma anche botteghe di alimentari e pescheria dove Pereira ha fatto la spesa.

Spesa funzionale, ha dichiarato, alle cene di rappresentanza organizzate a casa sua, nella campagna di San Casciano, con ospiti “vip“, nell’ottica di raggranellare finanziamenti per il Maggio.

Alla commissione di Palazzo Vecchio, che ha convocato il sovrintendente per chiarimenti - in seguito alla denuncia degli esponenti di Fratelli d’Italia che ha sollevato il polverone sul “Maggio“ - Pereira ha ricordato che nel corso del 2021 ha trovato 7,5 milioni in sponsorizzazioni.

ste. bro.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?