Mencagli della Sangiovannese
Mencagli della Sangiovannese
SAN DONATO TAVARNELLE: 2 SANGIOVANNESE 1 SAN DONATO TAVARNELLLE: Signorini 6, Carcani P. 6.5 (72’ Ciurli ng), Alessio 6 (22’ Montini 6), Regoli P. 6.5, Polvani 6, Pisaneschi 6.5, Noccioli 6.5 (60’ Pino 6.5), Caciagli 6.5, Gomes De Pina 5 (60’ Regoli Vieri 6), Disanto 5.5, Tartaglione 6 (53’ Poli). all.: Indiani SANGIOVANNESE: Allegranti 6.5, Lorenzoni 6.5 (67’ Rosseti 6), Migliorini 6, Baldesi 6 (78’ Nannini 6), Scoscini 6.5, Barellini 6.5, Fantoni 6.5 (50’ Papi), Vannini 6, Jukic 6 (55’ Polo), Mencagli 6.5, Bencini 6 (Romanò 5.5) all.: Iacobelli ARBITRO: Silvia Gasperotti di Rovereto, assistenti Galliani di Ascoli Piceno e Giorgetti di Vasto RETI: 4’ Fantoni, 31’...

SAN DONATO TAVARNELLE:

2

SANGIOVANNESE

1

SAN DONATO TAVARNELLLE: Signorini 6, Carcani P. 6.5 (72’ Ciurli ng), Alessio 6 (22’ Montini 6), Regoli P. 6.5, Polvani 6, Pisaneschi 6.5, Noccioli 6.5 (60’ Pino 6.5), Caciagli 6.5, Gomes De Pina 5 (60’ Regoli Vieri 6), Disanto 5.5, Tartaglione 6 (53’ Poli). all.: Indiani

SANGIOVANNESE: Allegranti 6.5, Lorenzoni 6.5 (67’ Rosseti 6), Migliorini 6, Baldesi 6 (78’ Nannini 6), Scoscini 6.5, Barellini 6.5, Fantoni 6.5 (50’ Papi), Vannini 6, Jukic 6 (55’ Polo), Mencagli 6.5, Bencini 6 (Romanò 5.5) all.: Iacobelli

ARBITRO: Silvia Gasperotti di Rovereto, assistenti Galliani di Ascoli Piceno e Giorgetti di Vasto

RETI: 4’ Fantoni, 31’ Noccioli, 85’ Pino

NOTE giornata di sole con leggera brezza, angoli 13-6 per San Donato Tavarnelle, ammoniti Poli, Papi, Mencagli, Migliorini

TAVARNELLE – Una Sangiovannese ampiamente rimaneggiata e imbottita di ragazzini in previsione della gara di domenica contro il Montevarchi, ha tenuto testa e combattuto alla pari contro un San Donato Tavarnelle apparso sotto tono. Anzi, in alcuni casi i valdarnesi, in tenuta azzurra, hanno addirittura sovrastato i chiantigiani tanto da trovare l’occasione giusta per il 2 a 0. La cronaca vede la Sangiovannese subito pericolosa con un’azione sulla destra di Mencagli e sulla ripartenza il San Donato Tavarnelle non trova la rete grazie ad una parata strepitosa di Allegranti. Il gol è nell’aria e arriva al 4’. Nuova azione sulla destra, i pericoli maggiori sono venuti prevalentemente linee laterali, di Mencagli primo tiro di Migliorini respinto poi la palla finisce sui piedi di Fantoni che da dentro l’area piccola insacca. Il San Donato Tavarnelle non reagisce e prova ad approfittarne la Sangiovannese. Al 12’ Signorini para un colpo di testa di Fantoni e al 14’ i valdarnesi hanno una clamorosa occasione per il raddoppio. Retropassaggio di Alessio, Signorini di piede sbuccia la palla che finisce a Jukic. Il centravanti tira, Signorini tenta il recupero e para sulla riga di porta. Per l’arbitro la palla non ha superato per intero la linea a non concede il gol. Al 15’ Lorenzoni fa tutto da solo sulla fascia ma calcia alto. Il San Donato Tavarnelle sembra subire fin troppo. Disanto gira al minimo e la prima reazione al gol è una punizione da 25 metri al 21’ finita a lato.

È più preciso Caciagli al 29’ ma, seppur di un soffio, la palla finisce ugualmente fuori. Al 31’ arriva però il pareggio. Noccioli viene lasciato solo in area e segna all’incrocio con un tiro a giro che sorprende Allegranti. Al 36’ la Sangiovannese ha la possibilità di riportarsi in vantaggio. Contropiede bruciante, due contro due in area, la palla finisce sui piedi di Romanò che sotto porta sbaglia un gol praticamente fatto. Nella ripresa cala il ritmo e il San Donato Tavarnelle sembra aver trovato maggior determinazione. Al 52’ Carcani chiede il rigore per un atterramento in area e al 56’ ancora il difensore ci prova ma il tiro sfiora il palo. Al 67’ Allegranti interviene in due tempi su un colpo di testa di Pino mentre al 70’ un contropiede della Sangiovannese con Romanò e Polo non ha fortuna. All’82’ il San Donato Tavarnelle va in vantaggio. Pino tira da dentro l’area, la palla impatta sulla schiena di Migliorini e finisce in rete. La Sangiovannese tira i remi in barca, gli ultimi minuti sono tutti chiantigiani con Disanto, parato, e Pino fuori.

Andrea Settefonti