AREZZO

"Non fa mai piacere esonerare un allenatore e ringraziamo Marco Mariotti per il lavoro svolto e l’impegno profuso per il bene dell’Arezzo".

È con queste parole, pronunciate dall’amministratore delegato del Cavallino Sabatino Selvaggio, che è di fatto iniziata la conferenza stampa di presentazione di Andrea Sussi, la cui nomina è stata spiegata in questi termini: "Siamo convinti di aver fatto la scelta giusta perché è nel segno della meritocrazia: non dimentichiamoci che mister Sussi ha vinto il campionato Primavera lo scorso anno, a dimostrazione di un lavoro egregio con il settore giovanile".

Sulla decisione sembra evidente l’avallo del nuovo direttore sportivo Cristiano Tromboni, anche lui promosso dalle giovanili e con cui il nuovo tecnico amaranto ha un rapporto che risale alla passata stagione che potrebbe rivelarsi prezioso anche in sede di mercato a dicembre, quando l’allenatore chiederà rinforzi funzionali alla propria idea di calcio.