SONIA FARDELLI
Cronaca

Travolta sulle strisce, attimi di paura. Aumentano gli investimenti in centro

Una donna di 82 anni è stata investita da un'auto mentre attraversava una strada ad Arezzo. Trasportata in codice rosso all'ospedale, ha riportato traumi multipli ma non è in pericolo di vita.

Travolta sulle strisce, attimi di paura. Aumentano gli investimenti in centro

Travolta sulle strisce, attimi di paura. Aumentano gli investimenti in centro

Stava attraversando le strisce pedonali quando è stata investita da un’auto in transito. La donna, di 82 anni, è caduta rovinosamente a terra ed è stata trasportata al San Donato in codice rosso. Gli accertamenti effettuati dai medici parlano di traumi multipli. Ieri mattina erano da poco passate le 10, la donna stava camminando in via Trento e Trieste, quando all’intersezione con via Ippolita degli Azzi, arrivata all’altezza delle strisce pedonali, ha attraversato la strada. In quel momento stava transitando un’auto, con alla guida un 40enne, che non avrebbe visto l’anziana attraversare. Fortunatamente a colpirla è stato "solo" lo specchietto. L’impatto, sebbene non sia stato frontale, è stato però particolarmente violento, e ha causato gravi ferite all’anziana signora. Tanto infatti è bastato per far perdere l’equilibrio alla donna e farla cadere sull’asfalto. Un forte impatto. L’autista dell’auto, appena si è accorto di quanto era accaduto, si è fermato per soccorrerla. Altri passanti, che hanno assistito all’incidente, hanno immediatamente chiamato il 118. Sul posto, in pochi minuti, sono intervenuti un’auto infermierizzata di Arezzo e un’ambulanza della Misericordia di Arezzo. La donna è stata prima stabilizzata sul posto e trasportata poi d’urgenza al pronto soccorso del San Donato, dove è entrata in codice rosso. I medici hanno lavorato per stabilizzare il suo quadro clinico e valutare l’entità dei danni causati dall’incidente. Nonostante la gravità della situazione iniziale, le sue condizioni non sono apparse particolarmente critiche. Da quanto fanno sapere dall’ospedale, fortunatamente non sarebbero in pericolo di vita.