Viareggio, 13 marzo 2017 - Una lunga giornata di festa quella passata agli archivi in Cittadella. Una lunga giornata vissuta celebrando i vincitori del Carnevale 2017. Su tutti, ovviamente, Alessandro Avanzini che con il suo ‘Frontiere’ ha conquistato il primo premio. Tanti applausi per lui al momento della consegna dell’ambita statuetta. Alla consegna della quale è rimasto quasi commosso anche il solitamente imperturbabile Alessandro Avanzini. Ci teneva a questo suo lavoro: sia perché da un po’ di anni mancava dal gradino più alto del podio, sia per il significato, il messaggio che il suo carro, insieme alla bella coreografia hanno trasmesso.

Un successo che Avanzini ha voluto condividere con tutti gli uomini del suo staff e con le maschere capitanate da Chiara Cinquini, l’ideatrice della coreografia che ha fatto breccia nel cuore dei giurati, visibilmente con gli occhi lucidi ancor più dello stesso carrista. «Un premio – ha detto il campione in carica dei carri di Prima Categoria – Semplicemente da devidere con tutte le mie maschere che si sono dimostrare parte integranti della costruzione».

Prima di lui spazio a Lebigre Roger e Roberto Vannucci, rispettivamente secondi e terzi con ‘Burocrazy’ e con ‘Chinatown’ ma soprattutto agli altri vincitori delle categorie minori. Festa grande per Jacopo Allegrucci che viene trascinato dalla sua ‘Signora Italia’ verso la Prima categoria, il traguardo che insegue fin da quando, ragazzino, si è cimentato con la cartapesta.

Bello il sorriso e la gioia di Luca Bertozzi. Anche per lui una promozione attesa da tempo e auspicata da molti. Il ‘talentino’ della cartapesta, dopo una serie di successi fra le mascherate di gruppo arriverà a costruire per la prima volta i carri di Seconda categoria. Ed è festa anche per Silvano Bianchi, il volto nuovo del circus della Cittadella: due successi nelle isolate che gli valgono la promozione nelle mascherate di gruppo.

Spazio anche a tutti i vincitori dei premi speciali intitolati ai grandi maestri della cartapesta. Titoli di consolazione, sicuramente, ma comunque di prestigio perché riconoscono il grande lavoro svolto durante i mesi di lavorazione dei carri. La cerimonia di premiazione è stata snella e decisamente veloce preceduta dalla tradizionale sfilata dei carri in miniatura.

Poi è stato il tempo della buona musica con Dino Mancino e la cover band «The rock’s avengers» che hanno intrattenuto il foltissimo pubblico già presente fin dalle prime ore del pomeriggio alla Cittadella. Un concerto decisamente frizzante che ha fatto da supporto a quello di una delle cover band maggiormente apprezzate, sopratutto a livello locale, come gli «Abba dream» che hanno letteralmente conquistato la scena riproponendo fedelmente le canzoni dell’«immortale» gruppo svedese protagonista indiscusso della disco dance degli anni 70-80.

E’ stato l’ultimo atto del carnevale 2017. Da adesso si comincia a lavorare per l’edizione futura, anche a costo di fare una danza propiziatoria per evitare che piova, come ha suggerito la presidente della Fondazione Maria Lina Marcucci. Sergio Iacopetti