Viareggio, 17 giugno 2017 - «VISTE le spese che ci sono state, si è risparmiato, ingaggiando un cantante locale». Appena Andrea Bocelli sale sul palco montato sulla sabbia del bagno Alpemare, la risata corale è istantanea. Una battuta che ha riportato un clima di familiarità nell’atteso party inaugurale che ha radunato poco più di 200 ospiti: tra volti noti dello spettacolo, della politica e dell’imprenditoria e invitati stranieri rigorosamente con dress code a tema, cioè abito o dettaglio color verde Tiffany, lo stesso che caratterizza cabine e finiture dello stabilimento rilevato mesi fa dalla Bocelli family. E così, in una sfilata di tubini, bracciali, nastri tra i capelli e smalti sulle unghie a tono, a scatenarsi sono stati i fotografi accalcati fuori dall’Alpemare, visto che il servizio è stato garantito in esclusiva al settimanale «Chi».

Ecco la producer Caterina Caselli, Tony Renis con occhiale scuro e inconfondibile codino, l’onorevole Daniela Santanchè accompagnata dal principe Dimitri d’Asburgo Lorena, il cantante Nek, fino all’imprenditore russo Alexander Makharashvili proprietario di gallerie d’arte a Mosca, Ginevra e Forte dei Marmi, a Rosaria Panatta, al bio architetto Tiziano Lera, alle titolari del grand hotel Imperiale Gianna Cesareo e Roberta Bonfanti, alla presidente dei commercianti Daniela Broch e al sindaco di Pietrasanta Massimo Mallegni.

Tutti ad ammirare l’esclusivo stabilimento che presentava vere ‘chicche’: il divano Edra Pack di Francesco Binfarè, premiato come miglior prodotto del Salone del Mobile, e le preziose opere d’arte del maestro Giuseppe Carta. Dopo il buffet consumato sotto le tende allietato da musica classica, ecco Bocelli in completo di lino bianco che ha intonato la partenopea «A Marechiaro» per poi dedicare «Occhi di fata» alla moglie Veronica Berti («la prima volta che ci incontrammo gliela cantai» ha ricordato) e concludere con l’energica «Libiamo» de La Traviata. Di fronte a signori in giacca adagiati sulla sabbia e giovanissime incollate a filmare col cellulare quel mini concerto condito di brezza, salmastro e lucchichìo di stelle.