Pescia, 3 settembre 2017 - Il rione Santa Maria ha vinto la quarantesima edizione del Palio degli arcieri. La contrada della chiave d’argento, con 470 punti, ha tenuto dietro a sé Ferraia, che di punti ne ha messi insieme 315, San Francesco, 290, e San Michele, fermo a 260 punti. Ma andiamo con ordine. A partire alla grande è stato il rione Ferraia. Dopo la prima volèe gli arcieri giallorossi erano in testa con 125 punti davanti a San Michele e San Francesco con 70, più indietro il Santa Maria. Al termine della seconda volèe la Ferraia era ancora in testa sebbene, dal basso, il Santa Maria aveva rimontato fino alla seconda posizione, 215 punti contro i 210. La terza volèe per il Santa Maria sarà di quelle da ricordare. Ha messo insieme ben 160 punti contro gli 80 della Ferraia e i 60 di San Francesco e San Michele. A questo punto Santa Maria stava conducendo la disputa con 370 punti, 75 in più di Ferraia. Ma tutto poteva ancora decidersi nell’ultima volèe di tiro quella nella quale ogni arciere ha tre frecce da scagliare verso il piccolo centro di appena 10 centimetri di diametro: se lo si centra alla prima freccia il rione guadagnerà 60 punti, altrimenti 40 o 20 se lo si colpisce con la seconda o terza freccia. Per il Santa Maria l’hanno colpito con la prima freccia Andrea Franchi, e Giulio Chiappini, con il secondo dardo, portando a 470 i punti totali del rione biancorosso. Ed è stata festa.

Per il rione del Duomo si tratta della quarta vittoria nelle ultime sei edizioni, la decima in totale, segno che una nuova generazione di giovani arcieri sta crescendo. Bravissimo Andrea Franchi che ha totalizzato 210 punti. Quella del 2017 è stata un’edizione da record, per numero di spettatori e figuranti. Tantissime persone erano disposte lungo il percorso. Pienone anche in piazza Mazzini dove per entrare si doveva pagare un ticket di 3 euro. Qualcuno ha però preferito tornarsene a casa, ma così, di certo, non si fa il bene della città e dei rioni che anno dopo anno stanno diventando incubatori di persone di buona volontà e luoghi dove i giovani possono scambiarsi reciproche esperienze lontani dai brutti giri. Quanti ai figuranti, in totale erano circa 600; Santa Maria e Ferraia anche lì, erano testa a testa, circa 150 ciascuno.