Firenze, 10 giugno 2017 - Prolungare o no l'anno scolastico? La domanda è quantomai pertinente in questi giorni in cui le aule chiudono i battenti e i giovanissimi si preparano a tre mesi di vacanza. Ma non tutto è rose e fiori nelle famiglie: con papà e mamme che lavorano è sempre più difficile trovare il modo di gestire i figli, soprattutto al mattino. Prolificano, in questo senso, da metà giugno, i campi estivi e i corsi dove spedire il pargolo. Ma spesso questo non basta. E queste attività, in buona parte dei casi, hanno costi anche alti. I genitori si dividono tra chi vorrebbe i figli ancora a scuola per un po', almeno tra giugno e luglio, e chi invece preferisce che l'anno si chiuda nella prima metà di giugno come sempre. I lettori de La Nazione online possono votare il sondaggio ed esprimere così un parere sul tema. Clicca qui sotto: