Simeone si dispera
Simeone si dispera

Parma, 19 maggio 2019 -  Fiorentina sempre più vicina al baratro: non arriva neanche a Parma il sospirato punto salvezza. I viola adesso sono obbligati a non perdere in casa contro il Genoa nell'ultima gara della stagione. Partita anche sfortunata a Parma (due pali e occasioni gol fallite, poi l'autogol do Gerson), ma ancora una volta ai viola manca la capacità di colpire nel momento giusto e di non subire il gol. I viola recriminano per le decisioni arbitrali e, in particolare, per un intervento su Chiesa nel finale. 

Fiorentina pericolosa al 7' con Federico Chiesa servito da Simeone. L'esterno viola (oggi la Fiorentina gioca in maglia rossa) incrocia in diagonale, ma il tiro va a lato. Tocca a Simeone guidare l'attacco viola nella sfida salvezza contro il Parma. Al 9' risponde il Parma con Gervinho che, in area viola, si libera e colpisce il palo esterno alla destra di Lafont.

Dopo questo botta e risposta le due squadre si fronteggiano senza grandi acuti, preoccupatte di non scoprirsi. La posta in palio è alta. Al "Tardini", i viola (sostenuti da 800 tifosi) devono fare un risultato positvo per voltare pagina. Compito non facile perché gli emiliani sono ancora più affamati dei viola di  punti salvezza (la Fiorentina è a 40, il Parma a 38) e soprattutto perché la Fiorentina è in caduta verticale con quattro sconfitte e un pareggio nelle cinque gare della gestione di Vincenzo Montella.

Al 26' Mirallas avanza, ha spazio e tira: palla fuori e infortunio alla coscia per il belga che deve uscire con Dabo che entra al suo posto. La partita è piuttosto bloccata, poi al 39' il Parma va ancora vicino al gol con un colpo di testa di Gagliolo che colpisce la traversa. La risposta viola è affidata a un'ottima iniziativa di Benassi che al 43' ruba palla in area e serve Simeone che si fa anticipare a un passo dalla porta. Simeone si ripete al 44' alzando la mira da ottima posizione. Il primo tempo, così, si chiude con due occasioni sprecate dal centravanti argentino e con una certa ansia per emiliani e gigliati derivante dal vantaggio delòl'Empoli con il Torino

Nella ripresa si comincia con un grande numero di Chiesa che si libera di un avversario, poi impegna Sepe con un tirocross che il portiere devia contro la traversa. Intanto, arriva  la notizia del pareggio del Torino a Empoli. Poi, mentre a Parma non si segna, ecco la notizia del nuovo vantaggio dell'Empoli. 

Al 21' brivido per i viola: calcio d'angolo (viziato da un precedente fallo parmense) colpo di testa di Kucka, Lafont battuto e Benassi salva sulla linea. Al 33' viola ancora vicinissimi al gol con Milenkovic che si libera in area e con la porta spalancata prende il palo interno. Passa un minuto e il Parma passa: punizione, Scozzarella la devia, ulteriore e sfortunata deviazione di Gerson e palla in gol. 

Il forcing disperato dei viola non porta nulla, al 45' Chiesa va a terra in area emiliana, ma per Giacomelli è tutto regolare. Ora la situazione viola è sempre più vicina al baratro. Finale nervoso con Montella che viene espulso.

Il tabellino 

PARMA (5-3-2): Sepe; Gazzola, Sprocati (37' st Dimarco), Gagliolo, Bastoni, Iacopni; Kucka, Stulac, Barillà; Ceravolo, Gervinho (7' st Grassi). Allenatore: D'Aversa

FIORENTINA (4-3-3): Lafont; Milenkovic, Ceccherini, Vitor Hugo, Biraghi; Benassi, Veretout, Gerson; Mirallas (28' st Dabo; 37' st Vlahovic), Simeone (23' st Muriel), Chiesa. Allenatore: Montella

Arbitro: Giacomelli di Pistoia

Reti: 35' st autogol di Gerson

Note: espulso Montella dopo il fischio finale