MAURIZIO COSTANZO
Cultura e spettacoli

Firenze, Bruno Canino e Paolo Ardinghi in concerto al Cherubini

Il super duo della classica si esibirà il 14 maggio

Bruno Canino e Paolo Ardinghi

Bruno Canino e Paolo Ardinghi

Firenze, 13 maggio 2024 - Uno degli incontri più apprezzati della classica italiana e internazionale, per una collaborazione che si rinnova da quasi vent’anni. Tra i maggiori pianisti di tutti i tempi, Bruno Canino ritrova il violino di Paolo Ardinghi nel concerto di martedì 14 maggio alla Sala del Buonumore del Conservatorio Cherubini di Firenze (ore 21), per la stagione 2024 di Toscana Classica. In programma tre pagine straordinarie dedicate al binomio violino pianoforte: apre la “Sonata in do maggiore k 303” che Wolfgang Amadeus Mozart compose nel soggiorno a Mannheim per Maria Elisabetta, Elettrice del Palatinato, e da cui emerge, per la prima volta nella letteratura mozartiana, il rapporto complice e paritetico tra pianoforte e violino. Seguono due delle tre Sonate per violino e pianoforte di Johannes Brahms, la “Op.78” e la “Op.108”, partiture che esaltano la piena maturità del compositore amburghese, evidenziando la poetica e il senso intimo dell’elemento base, il Lied. Bruno Canino vanta oltre 60 anni di carriera, durante la quale ha collaborato con artisti come Cathy Berberian, Severino Gazzelloni, Itzhak Perlman, Salvatore Accardo, Uto Ughi, András Schiff e Viktoria Mullova. Ha suonato sotto la direzione di Abbado, Muti, Chailly, Sawallisch, Berio, Boulez, con orchestre quali la Filarmonica della Scala, Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, Berliner Philharmoniker, New York Philharmonic, Philadelphia Orchestra, Orchestre National de France. Ha insegnato al Conservatorio di Milano per 24 anni e, a una corposa discografia - Debussy, Casella, Mozart, Chabrier, Bach… - si aggiungono due libri, “Vademecum del pianista da camera” e “Senza musica”, in cui svela, con ironia arguta, i retroscena della professione di musicista. Paolo Ardinghi proviene da una famiglia di artisti, allievo del padre Antonio Ardinghi e in seguito di Franco Gulli e Uto Ughi. Ha all’attivo numerosi concerti anche in veste di solista, interpretando pagine note per violino e orchestra a firma di Mozart, Haydn, Chevalier de Saint Georges, Beethoven, Mendelssohn, Brahms. Il Duo Ardinghi Canino ha pubblicato svariati cd per l’etichetta italo-giapponese Da Vinci, le incisioni sono trasmesse dalle radio di tutto il mondo. Biglietti 15/10 euro. Prevendite online su www.ticketone.it e nei punti Box Office Toscana. Ai soci Unicoop Firenze e ai titolari della “Firenze Card” del Comune di Firenze è riservato uno sconto del 40%. Biglietto ridotto anche per gli iscritti alla newsletter dell’Orchestra da Camera Fiorentina (per info e iscrizioni [email protected] Per informazioni e prenotazioni si può contattare la segreteria di Toscana Classica, tel 055.783374 – 333 7883225 anche via whatsapp. - www.toscanaclassica.com - [email protected]. La stagione 2024 di Toscana Classica è realizzata grazie al contributo di Fondazione CR Firenze, Ministero della Cultura, Regione Toscana, Comune di Firenze e Città Metropolitana di Firenze, che concede anche il patrocinio.

è arrivata su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro