La sicurezza stradale : "Caro assessore fatti oltre a promesse. Usate i soldi delle multe"

Continua il dibattito dopo i recenti incidenti avvenuti in città. Sotto i riflettori le politiche del Comune e l’impiego delle risorse. La replica: "Fondi usati per altre esigenze, e i risultati si vedono" . .

di Stefano Guarnieri*

Ricambio la stima per l’assessore Giorgetti, un amministratore che ha a cuore la sicurezza stradale della città. Il mio parere è che questi ultimi anni sono stati costellati dall’annuncio di tante buone intenzioni e da poca realizzazione nel campo della sicurezza stradale a Firenze.

Nella sua replica ha ragione Giorgetti a ricordare importanti interventi infrastrutturali realizzati negli ultimi anni (ciclabili, alcune zone 30, passaggi pedonali protetti), ma per tutto il resto l’assessore stesso usa verbi al futuro. Infatti l’attività del parco di Vigilandia è in lenta ripresa dopo un blocco dell’attività formativa durato per molti anni.

L’ultima campagna di comunicazione per la sicurezza stradale con cartellonistica risale al 2016. La prossima campagna prevista dal Comune, con una decisione discutibile (anche da Fiab credo), sarà rivolta alle regole per bici e monopattini, e non si focalizzerà su temi ben più importanti per la sicurezza in questo momento come il rispetto dei limiti di velocità e il problema della guida sotto l’effetto di alcol e droghe. L’Ufficio Sicurezza avrà luce “speriamo” a breve, ma sono passati sette anni dalla delibera di giunta che lo ha istituito. Un piano strategico come il progetto DAVID al momento non c’è. Significativi aumenti dei controlli dinamici (dove i vigili fermano per strada) non ci sono stati e non sono previsti.

Tutto questo non è certo dovuto all’incapacità dell’assessore e dei suoi. Semplicemente non sono state dedicate le risorse necessarie che, soprattutto negli ultimi due anni, sarebbero state invece disponibili.

Come sappiamo gli incassi delle multe vanno investiti al 100 per cento in sicurezza stradale nel caso provengano da autovelox e al 50 per cento negli altri casi.

Dai dati di bilancio nel quadriennio 2018-2021 il Comune ha incassato da multe una media annua di 70 milioni di euro. Nel bilancio consuntivo 2022 gli incassi da multe sono stati pari a 137 milioni di euro. Questo significa che nel 2022 il Comune di Firenze ha avuto a disposizione ben 67 milioni di euro in più rispetto alla media degli anni precedenti. È una cifra enorme che avrebbe consentito di fare un salto importante in avanti per la sicurezza stradale a Firenze e che, per legge, doveva in gran parte essere impiegata a questo fine.

Questi soldi sono stati usati per altre esigenze della città e solo le briciole sono state dedicate a combattere la violenza stradale.

Noi come Associazione Lorenzo Guarnieri sosterremo e applaudiremo ogni intervento sulla sicurezza stradale che il sindaco e i suoi amministratori metteranno in atto nei prossimi mesi sino a fine mandato. Ma non possiamo certamente accettare da parte loro la frase che in questi anni "è stato messo il massimo impegno" per la sicurezza stradale. Le risorse c’erano (eccome!), ma le scelte politiche sono state diverse. E i risultati purtroppo si vedono.

"Follow the money" diceva l’informatore a Robert Redford nel bellissimo film del 1976 ’Tutti gli uomini del Presidente’. Se segui il denaro capisci veramente cosa sta accadendo.

*presidente della Fondazione Lorenzo Guarnieri

è arrivata su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro