Troppi cani abbandonati: "Uno in più ogni giorno"

L’Enopa valdarnese riceve sempre più richieste di ospitare amici a 4 zampe "Sia nel 2022 che nell’anno appena trascorso ci sono state 80 adozioni".

Troppi cani abbandonati: "Uno in più ogni giorno"

Troppi cani abbandonati: "Uno in più ogni giorno"

di Massimo Bagiardi

Disfarsi del proprio fedele amico a quattro zampe giusto perché annoiati o infastiditi dalla sua presenza. Un qualcosa di brutto e poco concepibile ma che corrisponde, purtroppo, ai dati forniti dall’Enpa Valdarno che giornalmente, di media, riceve almeno una chiamata da parte di nuclei familiari o semplici cittadini che, additando le più banali scuse, non se la sentono più di tenere un cane al loro fianco. La conferma arriva direttamente dalla presidentessa dell’ente Luigina Campedelli: "Nella nostra sezione del Forestello a riceviamo, di media, al giorno, almeno una chiamata di persone che non vogliono più i propri cani per svariate situazioni. Naturalmente non possono disfarsene così facilmente, moltissime richieste vengono rimandate al mittente perché solo in determinati casi, tipo gravi malattie o morte del proprietario, possiamo portare avanti un tale discorso. E’ un dato che ci preoccupa".

E quando, per ragioni di causa maggiore, tornano in carico al canile a soffrire sono proprio gli stessi animali: "Quando siamo costretti a riprenderli ci sono dei cani che non toccano cibo per una settimana per il dispiacere che hanno, altri modificano il loro carattere diventando più aggressivi e tanti piccoli aspetti che solo noi volontari viviamo con i nostri occhi". Fortuna, però, che le adozioni ci sono: "Sia nel 2022 che nell’anno appena trascorso sono stati adottati 80 cani, la procedura per farlo è molto complessa e prima di poter procedere facciamo dei colloqui specifici, ragioniamo su che razza può essere più idonea per il contesto familiare e, soltanto dopo anche un piccolo periodo di prova, decidiamo se è il caso o meno di darlo in adozione. Siamo pieni di maremmani – continua la presidente – o anche altre razze che magari essendo un po’ più in là con gli anni non vengono presi più di tanto in considerazione. E anche questo è un problema". Al momento sono presenti 120 cani all’interno della struttura, la missione principale è quella di combattere il randagismo e toglierli più possibili dalle strade e solo nel 2023, per mettere in evidenza un dato, ne sono stati recuperati dopo alcune segnalazioni ben 260 con 170 di questi restituiti ai legittimi proprietari grazie al microchip che avevano con sé. È un duro impegno quello dei volontari, non esistono praticamente feste per loro.