Minori e alcol, paura a San Silvestro. Caos in centro: undici all’ospedale

Notte di lavoro in tutta la provincia per i sanitari. Giallo a Sant’Agostino: sferra un pugno e si dà alla fuga

Minori e alcol, paura a San Silvestro. Caos in centro: undici all’ospedale
Minori e alcol, paura a San Silvestro. Caos in centro: undici all’ospedale

di Matteo Marzotti

AREZZO

È stata una notte movimentata quella che ha visto il 2023 congedarsi lasciando posto all’anno nuovo. Movimentata anche, ma non solo, per i fumi dell’alcol, con un bilancio che fa riflettere soprattutto andando a leggere nelle carte di identità la data di nascita di alcuni dei protagonisti di quanto accaduto nelle prime ore di questo 2024. Se c’è da trovare un lato positivo sicuramente c’è quello riguardante l’utilizzo di fuochi d’artificio e materiale pirotecnico che non ha visto o registrato feriti nell’Aretino di particolare entità da dover ricorrere alle cure del pronto soccorsi. I sanitari però hanno avuto il loro bel da fare, dovendo intervenire in varie occasioni per aiutare e soccorrere chi ha accusato soprattutto i chiari sintomi di intossicazione alcolica. Il bilancio dopo la notte di San Silvestro parla di 11 chiamate su tutto il territorio provinciale e in due di questi casi il personale del 118 si è trovato davanti dei minorenni.

La serata di duro lavoro è iniziata poco dopo la mezzanotte quando la richiesta di aiuto è arrivata dalla centralissima Piazza Guido Monaco. E sempre in centro, pochi minuti dopo, è stato necessario inviare altro personale per soccorrere un altro minorenne che aveva alzato troppo il gomito. Ma il lavoro non è mancato nemmeno in provincia. Un altro intervento è stato effettuato in strada a Monte San Savino per soccorrere persona di 43 anni.

Altro intervento in strada a Foiano della Chiana: in soccorso di un 40enne. Ulteriori interventi del 118 in piazza della Repubblica e in via Guadagnoli dove le persone, rispettivamente 28 e 24 anni, sono state soccorse anche in questi casi in strada. Un altro intervento è stato effettuato ieri mattina dopo le 4, in strada, al Sodo di Cortona, dove a necessitare di soccorso era una persona di 29 anni. Poco prima delle 5 invece ecco un intervento, sempre per intossicazione alcolica a carico di un 19enne, a Castelfranco. Alle 4,40 invece personale del 118 è intervenuto in strada a Val Di Chio, quindi dopo le 6 di stamani a Peneto (sempre in strada) e a Pratovecchio. In questi casi le persone soccorse hanno 24 e 35 anni.

Ma oltre all’alcol non è passato inosservato quanto accaduto nel cuore dei festeggiamenti in città, durante la serata in Piazza Sant’Agostino.

Stando a quanto hanno potuto ricostruire gli inquirenti dopo la mezzanotte davanti ad un locale pubblico un uomo, che stava trascorrendo insieme alla propria compagna il capodanno, avrebbe ricevuto un pugno in pieno petto. L’aggressore si sarebbe dileguato immediatamente, facendo perdere le sue tracce. Sul posto sono intervenuti i sanitari della Misericordia di Arezzo e insieme a loro anche i carabinieri. I militari dell’Arma hanno raccolto le varie testimonianze per cercare di capire cosa è realmente accaduto e soprattutto per cercare di identificare l’uomo che ha sferrato il pugno sul petto dell’altro.

Non è chiaro se prima dell’aggressione ci sia stata una discussione, un diverbio che ha poi portato all’episodio o se non ci siano motivi dietro a quanto accaduto.