Marconi, studenti rientrati in sede: "È stato un primo giorno di scuola"

Il preside Santi e il ritorno in via Trieste. Riprese le attività legate ai laboratori: resta fuori l’indirizzo moda

Marconi, studenti rientrati in sede: "È stato un primo giorno di scuola"
Marconi, studenti rientrati in sede: "È stato un primo giorno di scuola"

Un nuovo primo giorno di scuola per gli alunni dell’Ip Marconi. Ieri mattina studentesse e studenti degli indirizzi di meccanica, manutenzione elettrica/elettronica ed operatori del benessere, estetisti ed acconciatori, ospitati fino a pochi giorni fa nelle sedi provvisorie di via San Lorenzo e via I Maggio a San Giovanni Valdarno, hanno fatto rientro nelle 17 aule restituite all’utilizzo scolastico nella sede di via Trieste. "Il rientro è andato bene" ha commentato il dirigente scolastico, professor Roberto Santi.

Molto emozionati i ragazzi delle classi prime, che non avevano ancora visto la loro scuola, dato che il primo crollo si verificò prima dell’inizio dell’anno scolastico. La scuola, con la collaborazione dei docenti e dei tutor, ha infatti organizzato una vera e propria giornata dell’accoglienza con la visita della sede. "Questo rientro - ha affermato la vicepreside Lucia Bellacci - ha permesso la ripresa a pieno regime di tutte le attività specifiche del percorso professionale, quelle legate in particolare alla disponibilità dei laboratori". È ripreso dunque il laboratorio di pannellistica per il triennio della manutenzione elettrica e elettronica e sono stati rimessi in funzione i torni per l’indirizzo di meccanica made in Italy, solo per citare alcuni esempi.

La provincia di Arezzo ha provveduto a ricontrollare tutti gli intonaci esterni e, ancor prima di mettere le reti, che non vi fossero infiltrazioni da umidità nelle aule riconsegnate come agibili. Alcune classi sono state inoltre imbiancate e adesso c’è la nuova pavimentazione, un intervento atteso da prima del crollo di settembre.

La riapertura dei laboratori permetterà alla scuola di aggiungere altre date agli open days per i ragazzi delle medie interessati agli indirizzi del professionale, che ora potranno finalmente toccare con mano gli attrezzi del mestiere. Oltretutto, per l’indirizzo elettrici ed elettronici sono in arrivo dei macchinari aggiornati per restare sempre al passo con le ultime novità del settore. È stata una giornata in cui tutto è andato per il meglio, ma studenti e docenti non intendono abbassare la guardia. Il rientro di ieri, è opinione condivisa, deve essere un primo step verso una riqualificazione complessiva dell’immobile, non più procrastinabile. Restano chiuse al momento le 4 aule nell’ala interessata dal crollo del 5 settembre 2023, interdette a qualsiasi impiego e dichiarate tuttora inagibili. Studentesse e studenti del percorso professionale moda, in attesa dei necessari interventi di consolidamento strutturale proseguiranno l’anno scolastico nei locali del Centro pastorale Guido Guerra di Montevarchi.

I mesi estivi serviranno a portare avanti i lavori nelle 4 aule, permettendo così agli studenti di moda di tornare tra i banchi della loro scuola a settembre, per l’inizio del nuovo anno scolastico. La Regione, in più, ha messo a disposizione circa 500mila euro nell’ambito di un pacchetto complessivo per interventi indifferibili e urgenti sull’edilizia scolastica che andranno a beneficio dell’Ipsia.