Centrale di sterilizzazione del San Donato: rinnovata la certificazione di qualità

Al centro del report, che ha dato il suo voto positivo, ci sono l’organizzazione del lavoro, la gestione delle risorse umane, i processi gestionali e la tracciabilità dei cicli di sterilizzazione

Arezzo, 29 dicembre 2023 – Per la terza volta la Centrale di Sterilizzazione del San Donato di Arezzo ottiene la certificazione Iso 9001-2015.

Il rinnovo è arrivato lo scorso 15 dicembre a conferma della qualità del lavoro svolto dalla struttura coordinata dalla dr.ssa Patrizia Russo. «Questa certificazione – sottolinea la dottoressa Patrizia Russo - è la conclusione e anche l’inizio di un percorso che certifica la qualità della centrale di sterilizzazione e la sua capacità di garantire un prodotto in totale sicurezza per i nostri servizi core e per i nostri utenti».

La certificazione Iso riguarda la realizzazione di attività di ricondizionamento di dispositivi medici riutilizzabili e sterilizzati. «Non sono state rilevate criticità organizzative o logistiche nella Centrale di Sterilizzazione durante l’attività di audit» si legge nel rapporto stilato dalla società che si occupa del rilascio della Iso che sottolinea di aver «rilevato l’attivazione degli elementi di miglioramento suggeriti dall’Audit di sorveglianza».

La Centrale di Sterilizzazione afferisce al blocco operatorio e alla DMPO (Direzione medica di presidio ospedaliero) di Arezzo e interessa una superficie di circa 500 metri quadrati, è dotata di tecnologie avanzate che gestiscono in modo informatizzato il processo di sterilizzazione dalla prima fase fino allo scarico e validazione del prodotto finito con il monitoraggio costante della tracciabilità dei cicli, dei kit e dello strumentario sterilizzato.

Il Rapporto evidenzia inoltre l’applicazione appropriata degli «indicatori di processo» che conferiscono «alla Centrale di sterilizzazione azioni di miglioramento continuo delle performance finora raggiunte che trovano evidenza anche nelle linee strategiche di gestione dei rischi ed opportunità e della gestione del rischio clinico».

«La gestione delle risorse umane – prosegue il report che rinnova la certificazione Iso - è attenta, puntuale e trova evidenza nella formazione e nelle tematiche trattate che mettono in evidenza un buon clima organizzativo interno, l’alta professionalità di tutto il team, la valorizzazione delle competenze e performance di risultato». Evidenziata inoltre «la capacità di miglioramento e garanzie di mantenimento della conformità».