MARCO CORSI
Cronaca

Bellosguardo è realtà. Polo di aggregazione per sport e cultura. Obiettivo il benessere

Taglio del nastro ieri pomeriggio alla presenza del presidente Giani. La struttura è nell’ex area mineraria dove sorge un parco fotovoltaico. Non solo attività fisica anche un anfiteatro dove assistere a spettacoli.

Bellosguardo è realtà. Polo di aggregazione per sport e cultura. Obiettivo il benessere

Bellosguardo è realtà. Polo di aggregazione per sport e cultura. Obiettivo il benessere

Cinque campi da padel, di cui due coperti, uno spazio dedicato all’allenamento outdoor - vera e propria palestra all’aria aperta - un anfiteatro con palco per eventi musicali, un bike center per gli appassionati delle due ruote, un punto di ristoro con bar e ristorante e un’area giochi per i più piccoli. E’ il nuovo centro sportivo polifunzionale da 2,5 milioni di euro progettato dalla Human Company e inaugurato ieri pomeriggio in località Bellosguardo a Cavriglia. Al taglio del nastro erano presenti, oltre al sindaco e alla giunta, il presidente della Regione Toscana Eugenio Giani, l’ex allenatore di Lazio, Juventus e Napoli Maurizio Sarri, Daniele Tognaccini, founder di Ants e creatore Milan Lab e i vertici della Human, tra cui il founder e chairman Claudio Cardini. Il progetto è stato sposato appieno anche da un folto gruppo di imprenditori valdarnesi, che sono entrati a far parte di una società ad hoc, la "Bellosguardo Iniziativa Benefit", a capitale diffuso e con specifiche finalità sociali di beneficio comune.

Su impulso del gruppo fiorentino attivo nei settori ricettivo e ristorativo e leader in Italia nel turismo open air, sono stati coinvolti 28 personaggi della vallata desiderosi di restituire al territorio un contributo concreto, attraverso la creazione di una struttura che punta a promuovere i valori dello sport e del benessere psico-fisico dell’individuo. In questo complesso sportivo e culturale si potrà giocare a padel, una disciplina che sta crescendo in modo esponenziale ed è sempre più praticata a tutte le età. Ma anche assistere a spettacoli e iniziative culturali nell’anfiteatro all’aperto da oltre 400 posti, mangiare nell’area ristoro, noleggiare biciclette per fare escursioni nelle splendide campagne cavrigliesi, esercitarsi con un po’ di attività sportiva nella palestra a cielo aperto. C’è poi, all’ingresso, un’area giochi per bambini. La struttura sorge in un luogo davvero suggestivo. Siamo nei terreni dell’ex area mineraria, a fianco sorge un parco fotovoltaico dedicato interamente alla produzione, alla ricerca e alla sperimentazione delle energie rinnovabili e tutto intorno un circuito ciclistico, che viene utilizzato anche da tanti valdarnesi che desiderano fare una bella camminata in mezzo alla natura. All’ingresso del centro polivalente e culturale di Bellosguardo ci sono poi le sculture degli artisti che, in questi anni, hanno partecipato al Simposio Internazionale "Pietra Sublime".

Insomma, un vero polo di aggregazione e di educazione votato al benessere attraverso esperienze attive all’aria aperta e a contatto con la natura. Al taglio del nastro, come ricordato, è intervenuto il presidente Eugenio Giani, che si è complimentato per l’investimento, ricordando anche l’importanza di Cavriglia come luogo di storia e di memoria. Il centro sportivo di Bellosguardo, infatti, sorge nei terreni dell’ex area mineraria, al centro di un grande progetto di riqualificazione, portato avanti da Enel, che muoverà investimenti per 80 milioni di euro.