Tanti campioni dello sport italiano e internazionale per la serata di gala del 23° Premio Fair Play Menarini che si è tenuta a Firenze a piazzale Michelangiolo, scenografico antipasto della serata clou, quella della consegna dei premi, che si è tenuta,  giovedì 4 luglio al Loggiato di Giorgio Vasari a Castiglion Fiorentino.

"Questa è la ventitreesima edizione del Premio Fair Play, quindi vuol dire che è diventato un premio consolidato nel panorama sportivo italiano e mondiale visti gli ospiti. E' la settima edizione che ci vede co-protagonisti come title sponsor della manifestazione ed ormai non c'è premio Fair Play senza Menarini, quindi questo è un piccolo orgoglio che ci portiamo con noi". Così Ennio Troiano, direttore Corporate delle risorse umane di Menarini. "Quest'anno _prosegue Troiano_ ci sono tanti sportivi e quindi è giusto dire che il premio sta crescendo: pensiamo a Zico o a Franco Causio, a Giani, non facendo torto agli altri che sono tutti grandi campioni - ha aggiunto Troiano - Stiamo crescendo, ci stiamo consolidando, e l'anno prossimo sarà ancora meglio".

In effetti, il parterre di ospiti e di premiati è davvero notevole. I già citati grandi calciatori come Zico e Franco Causio e il mito del volley, Andrea Giani, ma anche la sciatrice Federicca Brignone, la leggenda del basket Antonello Riiva, il campione di pallanuoto Gianni De Magistris, il ciclista Daniele Bennati, la mezzofondista Gabriela Szabó e tanti altri.

Una serata di sport, ma anche l'occasione per fare il punto sul gruppo Menarini, anima del premio: "Il 2019 si è aperto in crescita con delle dinamiche interessanti soprattutto nei paesi dell'Oriente come la Cina _dice Lucia Aleotti, membro del board del gruppo_ Il Paese in particolare continua a mostrare una dinamicità, una capacità di crescita a cui noi prestiamo attenzione".

Aleotti non ha nascosto la soddisfazione per essere stata nomimnata dal sindaco di Firenze, Dario Nardella, consigliera "speciale" in particolare per il settore imprenditoria femminile: "E' un grande onore. Sono stata sorpresa dalla telefonata del sindaco, che mi ha ovviamente riempito di orgoglio. Poter fare qualcosa per le donne e per l'imprenditoria mi inorgoglisce. Sono felice soprattutto di poter fare qualcosa a Firenze e per Firenze, che è nel mio cuore. Per me questa è una grande gioia".

L'evento è culminato con la premiazione degli atleti che si è tenuta il 4 luglio a Castiglion Fiorentino. Anche quest'anno, nel corso della serata Menarini ha assegnato un riconoscimento speciale: "Il Premio Sustenium Energia e Cuore". Il vincitore è stato il pallavolista Andrea Giani, premiato da Riccardo Nigi, direttore OTC Menarini Italia. 

"Sono molto onorato di consegnare il premio Sustenium Energia e Cuore 2019 ad Andrea Giani - ha detto Riccardo Nigi - Andrea, oltre ad aver avuto una carriera sportiva piena di Energia e caratterizzata da grandi performance, che lo ha portato ad essere riconosciuto come uno dei simboli della generazione di fenomeni del volley, ha anche dimostrato grande cuore. Cuore inteso come valore etico, spirito di sacrificio, dedizione, qualità del lavoro e rispetto degli altri, che sono i valori che si sposano perfettamente con quelli di Menarini e con quelli che Sustenium ha nel proprio DNA. Quindi grande energia e cuore per raggiungere i risultati sì, ma non ad ogni costo".