L'esultanza di Castrovilli (Fotocronache Germogli)
L'esultanza di Castrovilli (Fotocronache Germogli)

Firenze, 19 settembre 2020 - Gaetano Castrovilli festeggia la sua prima volta con il numero 10 segnando il gol che decide Fiorentina-Torino.  I viola, dopo un primo tempo così così (nel quale, comunque, creano almeno tre palle gol,) nella ripresa dominano largamente i granata che di fatto spariscono dal campo. Una supremazia che legittima il successo della squadra di Iachini. Una Fiorentina che parte bene anche se con alcuni dei suoi elementi più preziosi un po' in ombra. Tra questi, proprio i due "costruttori" del gol decisivo: Chiesa (suo il cross) e, appunto, Castrovilli. Ottimo il ritorno di Biraghi, discreta la prova di Bonaventura, un po' indietro di condizione Ribéry e non abbastanza "cattivo" sotto porta il pericoloso Kouame. Tra l'altro (come ricorda il Museo Fiorentina) si tratta della vittoria numero 1000 della Fiorentina in gare ufficiali (nazionali e internazionali) giocate nello stadio del Campo di Marte, inaugurato nel 1931 con il nome di Giovanni Berta, poi diventato stadio Comunale dopo la Liberazione e dalla fine del 1991 intitolato ad Artemio Franchi

Fiorentina-Torino, Commisso: "Siamo più forti dell'anno scorso"

Primo tempo

Avvio blando di Fiorentina-Torino, ma viola pericolosi al 5' con un doppio cross di Biraghi e di Chiesa e una mischia interessante, ma il Toro riesce a respingere.  

Al 14' ancora Biraghi lancia  bene Chiesa, pescato però in fuorigioco. Biraghi è, comunque, il più ispirato: al 17' ancora un bel cross da sinistra, Kouame di testa spreca da ottima posizione.

Grosso rischio per i viola al 21': scambio dei granata in area viola, Berenguer tira a colpo sicuro e Dragowski salva con un grande intervento. I viola vanno a fiammate, ma il gioco non c'è e manca con grande evidenza un centrocampo pensante. Castrovilli è sottotono (il numero 10 pesa...) Duncan non ha le doti del regista, Chiesa sbaglia troppo (ma è davvero il caso di farlo giocare a tutta fascia?), Bonaventura parte bene ma alla lunga si perde nell'assenza di idee del centrocampo.

In una delle fiammate viola, Kouame di testa impegna Sirigu, sulla respinta Ansaldi rischia l'autogol. Al 45' ennesimo ottimo cross di Biraghi e ancora Kouame di testa costringe Sirigu a una grande parata. 

Secondo tempo

Oltre ai cross di Biraghi (migliore in campo) i viola devono creare qualcosa di più. Al 2' è proprio BIraghi a segnare su cross di Chiesa: grande esultanza viola, ma l'arbitro annulla per fuorigioco. I viola fanno la partita, ma il ritmo è troppo blando e così diventa difficile superare il Toro. Con il passare dei minuti, però, il dominio gigliato si fa sempre più netto. 

Al 16' erroraccio di Ribéry che regala palla a Zaza: per fortuna dei viola l'appoggio a  Belotti (tutto solo in area) è clamorosamente sbagliato.

Al 19'  bell'inserimento di Bonaventura in area granata, il tiro dell'ex milanista è troppo largo. Al 25' bel pallone di Ribéry a Chiesa, il diagonale del numero 25 viola è fuori bersaglio. 

Non è una gran partita, ma i viola insistono e meritano il vantaggio che arriva al 32': cross di Chiesa e deviazione vincente di Castrovilli. Un gol confezionato da due giocatori in ombra fino a quel punto. Arriva il momento di Borja Valero (al posto di Bonaventura) e di Vlahovic (al posto di Ribéry). Palla gol anche per Cutrone (entrato al posto di Kouame) che impegna Sirigu.

Al 49' brivido per i viola; sul cross di Rincon, Belotti, tutto solo, infila in gol, ma è in evidente fuorigioco. Finisce 1-0 e i viola partono con il piede giusto vincendo la gara grazie a una ripresa giocata con personalità e una voglia di vincere che il Toro non ha avuto. 

Il tabellino

FIORENTINA (3-5-2): Dragowski; Milenkovic, Ceccherini, Caceres; Chiesa (37' st Lirola), Bonaventura (33' st Borja Valero), Duncan, Castrovilli, Biraghi (42' st Venuti); Ribéry (33' st Vlahovic), Kouame  (42' st Cutrone). Allenatore: Iachini

TORINO (4-3-1-2): Sirigu; Izzo (41' st Vojvoda), Bremer, Nkoulou, Ansaldi; Meitè (23'st Lukic), Rincon, Linetty (41' st Millico); Berenguer (23' st Verdi); Zaza, Belotti. Allenatore; Giampaolo.

Arbitro: Abisso di Palermo 

Reti: 32' st Castrovilli

Note: ammoniti Milenkovic, Ceccherini, Biraghi, Linetty