Fortezza e antico chiostro. Riaperti dopo il restauro

Restituiti a turisti e cittadini di Lucignano luoghi chiusi da decenni

Fortezza e antico chiostro. Riaperti dopo il restauro

Il sindaco Casini all’inaugurazione

Le loro porte erano chiuse da decenni ma adesso quelle due perle di Lucignano sono tornate al loro antico splendore. Ieri è stato il D day della Fortezza Medicea e del Chiostro di san Francesco battezzate a nuova vita nelle giornate Fai di primavera. "E’ un giorno davvero importante per la nostra comunità – ha detto il sindaco Roberta Casini - in quanto inauguriamo due opere straordinarie quali la Fortezza Medicea e il Chiostro di San Francesco nell’ambito delle Giornate Fai. Si tratta di un’importante restituzione alla nostra comunità e alla collettività, restauri resi possibili grazie a finanziamenti della Regione. Il presidente Giani dimostra ancora una volta un’attenzione particolare ai piccoli centri, autentico valore aggiunto della Toscana".Il doppio taglio del nastro si è svolto alla presenza del Prefetto di Arezzo Maddalena De Luca, il Questore di Arezzo Maria Luisa Di Lorenzo, il comandante provinciale dell’Arma Claudio Rubertà, il presidente della camera di commercio di Arezzo Massimo Guasconi e dell presidente della Regione Toscana Eugenio Giani: "Il Fai - ha detto il presidente Giani - ci aiuta a conoscere e far conoscere la Toscana più bella e spesso la più nascosta. Sono aperti 35 luoghi che si inseriscono nell’offerta di 750 realtà in Italia, tra cui la Fortezza Medicea di Lucignano e il Chiostro di San Francesco, da anni chiusi, ma che grazie al lavoro della sindaca Roberta Casini abbiamo potuto inserire nelle ristrutturazioni delle città murate". L’architetto Roberta Fabbrini, progettista e direttrice dei lavori per la ristrutturazione del Chiostro di San Francesco, ha ripercorso le varie tappe del restauro, evidenziando che "si tratta di un luogo centrale per la vita della comunità, destinato nei secoli alle più varie attività, ora tornato fruibile in tutto il suo splendore". La presidente regionale del FAI, Rosita Galanti Balestri, si è detta "onorata di poter annoverare Lucignano nel programma nazionale". L’inaugurazione è stata possibile grazie a due maxi finanziamenti sostenuti sia dal Municipio di Lucignano che dalla Regione Toscana. Per il Chiostro di San Francesco sono stati stanziati 400mila euro (320 dalla Regione e 80 dal Comune) mentre per la Fortezza si tratta di un investimento che mette insieme due tranche: la prima da 250 mila euro grazie ad un bando regionale del 2021 (50mila comune e 200mila della Regione) e il secondo che si aggiunge ad un altro importo di 200mila euro stanziato negli anni ancora precedenti (106mila euro da Lucignano 94 dalla Regione Toscana