Grosseto, 15 maggio 2018 - La Gea Cooplat Grosseto saluta i playoff del campionato di serie D con l’onore delle armi, arrendendosi all’ultimo secondo in gara3 dei quarti di finale sul campo del Calcinaia Basket (64-61 il finale), rimanendo anche con un po’ di amaro in bocca per come sono andate le cose soprattutto nei minuti caldi del match. I ragazzi di David Furi hanno giocato con il coltello tra i denti per 40’ riuscendo anche a recuperare alcuni punti di ritardo e ad avere un piccolo vantaggio nell’ultimo periodo. A nove secondi dalla fine, sotto di tre punti, i biancorossi grossetani si sono fatti rubare palla senza riuscire a scagliare l’ultimo tiro. In questi frangenti si è sentita la doppia pesantissima assenza di Morgia ed Edoardo Furi. La gara disputata a Calcinaia non è stata bella, ma agonisticamente appassionante, con una continua alternanza di risultato: pisani avanti di due dopo i primi 10’ ma raggiunti dai maremmani all’intervallo. La Gea è riuscita a dimenticare il -25 di mercoledì scorso e ha giocato come doveva: tanta grinta e tanto cuore per ribattere ai canestri locali. La difesa ha funzionato bene, tenendo il punteggio basso e l’attacco, dopo un terzo quarto con troppi tentativi sbagliati, ha ritrovato il giusto smalto nei dieci minuti conclusivi, archiviati con un parziale favorevole di 23-20, non sufficiente purtroppo per centrare la qualificazione alle semifinali promozione. Calcinaia si troverà adesso di fronte Valdera, mentre Chiesina sfiderà Empoli, arrivato nelle prime quattro partendo dal quinto posto nella regular season.