Grosseto, 21 dicembre 2017 - Sconfitta casalinga della Gea Cooplat, nella dodicesima giornata del campionato di serie D, che s’arrende al Lella Basket Pistoia (60-45 il finale) a causa di un incredibile black out al tiro negli ultimi venti minuti, nel corso dei quali i grossetani hanno segnato solamente 12 punti e mettendo la vittoria su un piatto d’argento agli avversari, andati al riposo con un ritardo di 14 punti. La squadra, dopo aver disputato un ottimo secondo quarto, si è improvvisamente smarrita, segnando appena tre punti (negli ultimi due minuti) nel secondo quarto e segnandone quattro in quindici minuti. Con Zambianchi (0/11 al tiro) e Morgia (2/13) sotto i loro standard abituali, la squadra si è vista mangiare il vantaggio accumulato a metà gara, fino ad arrivare al meno quindici di fine partita. L’unico che ha cercato di tenere in piedi la squadra è stato capitan Marco Santolamazza che ha infilato sei “bombe” (su 11 tentativi): canestri hanno illuso di poter vincere il match pur giocando male. Altri numeri che testimoniano la brutta gara della Cooplat: 15 palle perse contro le otto recuperate. Per il Lella Basket è la quinta vittoria consecutiva, per la Gea il primo stop casalingo dopo cinque successi. Un ko da dimenticare immediatamente, visto che giovedì si tornerà subito in campo sul parquet di Lucca. La cronaca. Nel primo quarto è della Gea il primo break (5-0) che porta i biancorossi dal 3-5 all’8-5. Pistoia non ci sta e in due minuti mette insieme un 10-0 che permette di guidare fino al 15-8. Già negli ultimi minuti della prima frazione, però, cambia la musica: la Cooplat chiude sotto di due punti e nel secondo quarto  prima pareggia con Contri  e poi allunga con le bombe di Santolamazza fino ad un massimo di 14 punti (33-19). Al rientro dagli spogliatoi, però, i ragazzi di Furi non riescono più a trovare la via del canestro e il Lella ne approfitta per rifarsi sotto. Grosseto torna a mettere punti a referto solamente a dopo 8’20” e riesce in qualche maniera a chiudere il terzo quarto con due miseri punti di vantaggio. Nell’ultima frazione, però,  la squadra prosegue a commettere errori su errori al tiro, mentre si galvanizzano i pistoiesi che non sbagliano più niente e portano a casa un successo insperato dopo i primi due quarti.