Grosseto, 14 febbraio 2017. Grandi risultati per i giovani dell’Atletica Grosseto Banca Tema, nei campionati italiani allievi indoor ad Ancona. La rassegna tricolore under 18 su pista al coperto vede i biancorossi tra i protagonisti, sia nella velocità che nella marcia, con prestazioni di notevole valore. Sui 60 metri la sprinter Arianna Regina realizza una formidabile impresa perché migliora due volte il record personale e conquista una storica qualificazione per la finale, raggiungendo un traguardo che in questa specialità mancava da tanti anni all’atletica maremmana. In batteria riesce a cogliere subito il secondo posto con il crono di 7”93, poi compie un vero capolavoro in semifinale con 7”89 per la terza posizione che vale il passaggio del turno e il nuovo personal best ritoccato di un centesimo, rispetto al 7”90 ottenuto sulla pista di Firenze, alla fine di gennaio. Ma non si accontenta e corre anche la finale con una bella prova di personalità in 7”87, togliendo altri due centesimi al suo miglior tempo in carriera per il settimo posto, dimostrando di saper gestire bene le gare importanti. La 16enne studentessa del liceo linguistico vede quindi premiato il suo impegno crescente. Da quest’anno con passione ha scelto di intensificare gli allenamenti al campo Zauli, per cinque volte alla settimana sotto la guida tecnica di Stefano Teglielli che nel recente passato è stato anche campione italiano assoluto della 4x100 metri, e così arrivano i frutti del lavoro svolto. Nei 5000 di marcia Leonardo Ciregia si piazza a ridosso dei primissimi, per chiudere al quinto posto in 23’52”69 pur non avendo finalizzato questo appuntamento. Una conferma al top per il giovane specialista maremmano del tacco e punta, allenato da Fabrizio Pezzuto, che ora punta alle prossime manifestazioni su strada. Bene anche le marciatrici dell’Atletica Grosseto Banca Tema, impegnate sui 3000 metri: decima Ginevra Perini in 15’33”48, con un buon riscontro cronometrico al termine di una competizione portata avanti in decisa rimonta dopo una partenza cauta, e quasi appaiata Matilde Capitani, undicesima in 15’34”22, che affronta la gara con coraggio e sfiora il record personale. Alle loro spalle Chiara Piccini, diciannovesima in 16’21”75 per completare una trasferta memorabile.