L'esultanza del Forte dei Marmi (Umicini)
L'esultanza del Forte dei Marmi (Umicini)

Forte dei Marmi (Lucca), 4 maggio 2018 - Il B&B Service Forte dei Marmi non fa sconti, batte il Breganze per 3-1 (primo tempo 1-0 per i veneti), chiude la semifinale in tre partite e centra la qualificazione alla quinta finale scudetto consecutiva.

Palaforte affollato ed inizio con Breganze aggressivo. Al 2’ contropiede di Torner parato e al 3’ doppio intervento di Gnata su Cocco e Ambrosio. Al 6’ tiro dal limite di Gimenez deviato contro la traversa. I veneti spingono ma i rossoblu chiudono bene. Al 12’ Gnata neutralizza una punizione dal limite di Ambrosio, ripetendosi su un tiro dalla distanza di Dal Santo (12’). Con le difese molto chiuse le occasioni maggiori sono legate ai tiri da fuori, come quello di Motaran parato al 17’ che da il là al contropiede iniziato da Dal Santo, perfezionato da Ambrosio e finalizzato in area da Cacau che porta in vantaggio il Breganze.

Reagisce la squadra di Bresciani con la girata di De Oro in area (18’) e l’assist di Torner per Rossi in area, ma Sgaria non si lascia sorprendere. L’ultima occasione è ancora per il B&B Service con Torner che serve Cinquini il cui tiro al volo viene parato. I padroni di casa iniziano la ripresa con grande determinazione e al 1’ raggiungono il pareggio con quello che sarà il mattatore della serata, De Oro che caparbiamente difende la pallina in area e batte Sgaria. La squadra di Bresciani non sfrutta due contropiede ma controlla il gioco. Al 6’ dubbio pattino in area di Ambrosio. La partita la fanno sempre i rossoblu che impegnano Sgaria al 9’ con Torner e al 10’ con Pagnini. Al 14’ è Dal Santo da fuori a chiamare in causa Gnata, ma pochi secondi dopo Torner serve De Oro in area che porta in vantaggio i versiliesi. Il Breganze ora spinge e il B&B Service stringe i denti. Gnata para su Cocco (17’) e Gimenez (18’). Al 21’ viene espulso Gimenez: Sgaria para il tiro diretto di Pagnini ma in superiorità numerica arriva il 3-1 propiziato da Torner e finalizzato ancora da De Oro (22’). Gli ultimi minuti vedono l’espulsione di Cocco, il tiro diretto di Romero e l’apoteosi rossoblu che ora attende di sapere chi dovrà affrontare in finale a partire dal 12 maggio.