Di Maio sul palco della Versiliana (Foto Umicini)

Marina di Pietrasanta, 31 luglio 2017 - "Dobbiamo salvare i migranti in mare, ma se andiamo a prenderli nelle acque libiche è un traghettamento, non un salvataggio". Lo ha detto il vicepresidente della Camera, Luigi Di Maio, oggi pomeriggio alla Versiliana di Marina di Pietrasanta (Lucca). Di Maio è stato intervistato nell'ambito degli incontri a tema politico che hanno visto nella giornata di ieri sedersi sul palco l'ex premier Matteo Renzi. Uno dei temi caldi resta quello dell'immigrazione.

 "Chi arriva in Italia - ha aggiunto Di Maio - non dovrebbe restare. Se non avviene la divisione per quote, bisogna trattenere i venti miliardi dell'Unione europea per fare i rimpatri. Cominciamo a fare accordi bilaterali con i Paesi di provenienza, come ha fatto la Spagna". Secondo il pentastellato "i rimpatri non si sono fatti, perché ogni rimpatrio erano 38 euro in meno al giorno per le organizzazioni che si occupano dell'accoglienza".

Si parla anche di elezioni politiche. "Sui sindaci 5 stelle si abbatte sempre un "uragano mediatico", "è importante avere la squadra pronta" da subito" ed è per questo che in vista delle politiche "noi entro il 24 settembre presenteremo il candidato premier" e "poi, prima delle elezioni politiche, presenteremo agli italiani la squadra dei nostri ministri", ha detto Di Maio.

false Spicca nel pubblico il sindaco di Livorno Filippo Nogarin, citato ad esempio direttamente da Di Maio. Sulla vicenda Atac "non risponderò colpo su colpo a Renzi - ha detto il vicepresidente della Camera -: ha avuto la sua occasione negli ultimi tre anni".  "L'sms del consigliere alla Raggi - ha aggiunto l'esponente del Movimento 5 Stelle - è pubblico. Rota è un grande manager ed è andato via dicendo che ci sono troppi rischi, che è incensurato e vuole restarlo. C'è una grande e difficile impresa da compiere a Roma, abbiamo 5 anni per farlo".  Qui il confronto con l'esperienza livornese: "Nogarin a Livorno ha salvato un'azienda pubblica, l'azienda della nettezza Aamps, con il concordato preventivo in continuità".