Una volata per la città. La corsa porta turisti e soldi

Commenti positivi tra i residenti nel sabato dello shopping nell’asse pedonale

E che il fascino del Giro appassioni i viareggini emerge anche dai commenti nel sabato mattina dello shopping. Cosa pensano, infatti, i cittadini di quest’evento sportivo? È veramente percepito positivamente o ha anche dei lati negativi? Sono le domande che ieri mattina abbiamo posto ad alcune persone che abbiamo incontrato lungo l’asse pedonale tra via Cesare Battisti e via Antonio Fratti. E la risposta alla domanda è comunque positiva, motivata dal fatto che "un evento del genere porta inevitabilmente persone, fermento e pubblicità". È proprio quanto afferma Alessandro D’Ulivo, di origini pistoiesi, anche se non nega "che per i commercianti possa essere negativo in quanto può portare disagio nella viabilità, ricordando però che anche il ciclismo come ogni altro sport deve avere il suo spazio". E a lui fa eco una giovane ragazza che però vuole mantenere l’anonimato. Mentre Elena Gori, espone la propria idea: "È senza dubbio positivo, invita gli spettatori a conoscere i luoghi e stimola il comune a migliorare il territorio per ospitare al meglio l’evento". Concorda anche Francesca Pellittari, commerciante ribadendo sempre la positività dell’evento "poiché porta una grande affluenza di persone, senza quindi riscontrare particolare disagio per le attività commerciali". Amedeo Caneschi e Fabrizio Dinelli, dichiarano di non seguire assiduamente l’evento ma di percepirlo come totalmente positivo, "in quanto porta sicuramente grande affluenza". Il Giro, quindi, sia per chi lo segue assiduamente e chi no, porta vivacità e ritorno ecomico per le città che lo ospitano.

Viola Mallegni