Un'immagine del cimitero di Viareggio (Umicini)
Un'immagine del cimitero di Viareggio (Umicini)

Viareggio, 16 gennaio 2018 - Ancora una volta, sono i più i danni che la refurtiva. Ignoti hanno fatto visita, nella notte tra lunedì e martedì, ai cimiteri del Marco Polo. Non per andare a trovare i loro cari, lasciare loro un fiore; ma in cerca di soldi e oggetti di valore. Hanno visitato sia il camposanto comunale che quello della Misericordia, per poi darsi alla fuga intorno alla mezzanotte per l’arrivo dei dipendenti dell’impresa funebre della Confraternita, chiamati nel cuore della notte da una famiglia per un decesso.

I ladri sono prima sono entrati nel cimitero comunale, scavalcando gli alti cancelli, e hanno puntato diritto alla chiesa e alla sacrestia. Probabilmente in cerca delle offerte, che da tempo però non vengono più raccolte. Violando il riposo dei defunti e il luogo sacro, recentemente ristrutturato da I Care, dove si svolgono tanti funerali e dove tante persone si recano per una preghiera. Sia dalla chiesa che dalla sacrestia, non risulta mancare niente.

Poi sono riusciti a entrare nel Camposanto della Misericordia, e hanno tentato di forzare la porta dell’ufficio che dà sui via Maroncelli. Intorno alla mezzanotte, il sopraggiungere dei dipendenti dell’impresa funebre della Misericordia ha messo in fuga i ladri. Si tratta dell’ennesima furto, anzi tentato furto, nei cimiteri, soprattutto quello della Misericordia, dove da tempo non si maneggiano più i soldi perché tutti i pagamenti avvengono tramita banca a posta. Le direzioni dei cimiteri hanno sporto denuncia ai Carabinieri, che hanno già svolto sopralluoghi e controlleranno le telecamere.