Viareggio 12 settembre 2018 - Stadio agibile per la Coppa Carnevale, anche se incompleto. Nuova pista di atletica come ai bei tempi. E nessuna struttura commerciale sotto le gradinate e la tribuna. I tecnici comunali hanno fatto il primo sopralluogo al Bresciani e le ambizioni del sindaco Giorgio Del Ghingaro crescono. Ma c’è attesa per l’imminente verifica strutturale che dovrà dire se il cemento armato è sano dentro, oppure...

C’è un progetto preliminare o di massima per la sistemazione dello stadio dei Pini?

Intanto c’è un quadro economico entro il quale si muoveranno i tecnici: e poi c’è l’obiettivo di uno stadio moderno, sicuro ed efficiente, che rispetti gli standard di sicurezza per le partite del campionato.

Quali interventi sono previsti e a quali strutture?

I tecnici hanno fatto un sopralluogo ieri: i primi lavori si concentreranno tutti nella messa a norma della struttura. Prima di tutto sarà necessaria una verifica strutturale della pensilina di copertura. Poi altri interventi puntuali come il rifacimento della guaina per le infiltrazioni, il ripristino dei ferri, la verifica della sfondellamento del solaio, il trattamento del cemento armato, la revisione dell’impianto elettrico, lavori edili di demolizione e rifacimento dell’intonaco, la tinteggiatura. Oltre all’intervento straordinario sarà necessaria anche la manutenzione ordinaria che non è stata fatta in questi anni.

Sono necessarie opere di adeguamento delle strutture portanti come i pilastri?

Ce lo diranno le prove strutturali. Dopo le quali si potrà parlare anche di un progetto generale.

C’è un computo dei costi dei singoli interventi?

I singoli lavori dipenderanno dalle verifiche strutturali. Intanto c’è la previsione di spesa che in totale sarà di circa 650mila euro. Ovviamente divisibile in lotti, quindi il primo lotto è di 300mila euro, già a bilancio, e il secondo lotto di 350mila, che metteremo a bilancio per il prossimo anno. Quindi i lavori potranno partire e proseguire in continuità.

Che tempi sono previsti?

Entro il mese le prove strutturali, e a seguire i lavori necessari per la messa a norma e la riapertura.

Come detto a bilancio ci sono già 300mila euro.

Avete progettato qualche modifica dell’impianto per atletica o altre discipline?

Vorremmo ripristinare lo stadio all’efficienza originaria. Quindi nel caso, ristrutturare anche la pista. Ovviamente per ora dobbiamo pensare alla sicurezza. Ma io intendo ridare alla città lo stadio come era un tempo. Quindi con la pista di atletica efficiente, e anche il rifacimento del campo di gioco. Prima viene la sicurezza, ma ai tecnici ho chiesto che lo stadio sia praticabile in tempo per la Coppa Carnevale».