Uno degli scontrini con la scritta anti-juventina
Uno degli scontrini con la scritta anti-juventina

CAPPUCCINO, brioche e “abbasso la Juve”, caffè e valdostana e “abbasso la Juve”, tè e biscotti e “abbasso la Juve”. E al calar del sole aperitivo e “abbasso la Juve”. Le ordinazioni sono una variabile, la costante è “abbasso la Juve”, una squadra che Paolo Mantovani, titolare dell’omonima e storica pasticciera nella centralissima via San Martino, ha sempre simpaticamente odiato. E così Paolo ha deciso dal 1° luglio di stampare su tutti gli scontrini della sua attività uno sfottò contro la Signora del calcio, che divide l’Italia in due.

"Sono milanista e non ho mai sopportato la Juve fin da piccolo – spiega sorridendo il pasticcere – e quando esce dallo Champions League per me è una festa. Incornicio le pagine di giornale che raccontano la debacle (zebrata, ndr), comprò la maglia della squadra che l’ha eliminata e vado a farci le consegne". Ormai Paolo ha un collezione invidiabile di maglie, tra Amburgo, Borussia Dortmund, Real Madrid e Barcellona. "Mi manca l’Ajax perché quest’anno non me l’aspettavo – prosegue – ma confido nel prossimo anno, anche se la Juve sta facendo uno squadrone. Il mio Milan? Ritorneremo grandi".

Gli abbiamo chiesto chi, se dovesse scegliere, tiferebbe tra Juve e Inter: ci ha risposto che inizierebbe a seguire il calcio inglese o spagnolo. "Ho tanti amici e clienti juventini – ci racconta Paolo – che l’hanno preso a ridere, anche perché non è uno sfottò pesante e per il calcio italiano sarebbe meglio che, per un anno, la Juve non vincesse nulla. Addirittura Nicola Batori degli arredamenti, mio cliente e bianconero sfegatato, mi ha detto bravo".

Se i "gobbi" l’hanno presa a ridere, i tifosi delle altre squadre hanno eletto Mantovani la loro propria pasticceria preferita. E le vendite sono aumentate, a luglio, del 10%. "Purtroppo – conclude, sempre sorridendo – mi trovo spesso a decorare torte con Cristiano Ronaldo, Dybala e con lo scudetto bianconero. E lo faccio sempre volentieri, soprattutto per far contenti i bambini. Ma quest’anno rinuncerei a un po’ di incasso per vedere un’altra squadra vincere".

Tra i clienti di Mantovani c’è anche un certo Marcello Lippi, 5 volte campione d’Italia da allenatore con le zebre. Anche lui è atteso al varco del caffè "abbasso la Juve".

Dario Pecchia