Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Violenza, Mara Carfagna devolve la sua indennità alla 'Casa delle Donne' di Viareggio

La scelta è arrivata dopo che Deborah Bergamini aveva incontrato le referenti della Casa della donna, raccogliendo le loro preoccupazioni per il futuro del centro, segnalandole alla collega Carfagna

Ultimo aggiornamento il 6 settembre 2018 alle 13:27
Mara CarfagnaGaetano QuagliarielloNicola ZingarettiPiercarlo Padoan

Viareggio, 6 settembre 2018 - Mara Carfagna (Fi), ha devoluto l'indennità di vicepresidente della Camera del mese di settembre alla Casa delle Donne di Viareggio (Lucca), che gestisce l'unico centro antiviolenza del territorio 'L'Una per l'Altra'. «È un piccolo gesto - sottolinea in una nota Carfagna - che spero sia utile a creare attenzione, oltre che dare un aiuto materiale. Le donne, i minori, la famiglia, i disabili, sono battaglie in cui credo da sempre: oggi, purtroppo, vengono combattute affidandosi quasi esclusivamente alle forze del volontariato. A loro, per quanto mi è possibile, voglio essere vicina in modo concreto».

La scelta è arrivata dopo un percorso iniziato ad aprile, quando la parlamentare di Fi Deborah Bergamini aveva incontrato le referenti della Casa della donna, raccogliendo le loro preoccupazioni e incertezze per il futuro del centro, segnalandole alla collega Carfagna. «Queste persone - ha ricordato Bergamini - sono i motori potenti e silenziosi di un progetto sociale preziosissimo, fatto di assistenza, protezione e prevenzione e strutturato sulla partecipazione, l'inclusione attiva e la cultura accessibile: un simbolo di libertà che tutti noi abbiamo il dovere di sostenere e valorizzare». «Dal 2001 - sottolineano Carfagna e Bergamini - questa struttura ha accolto e sostenuto nel percorso di fuoriuscita dalla violenza oltre 1700 donne, grazie al lavoro delle operatrici volontarie. Per proseguire in questo delicato e inestimabile servizio, ha bisogno di serenità, stabilità e di tutto l'aiuto possibile».

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.