La distruzione di Ripa. Domani il ricordo

Frazione mobilitata per ricordare l’80’ anniversario. Alle 19 il corteo e poi cena. nei locali parrocchiali.

La distruzione di Ripa. Domani il ricordo

La distruzione di Ripa. Domani il ricordo

Ripa celebrerà domani l’80° anniversario della distruzione del paese, con un programma finalizzato a rievocare quei tragici fatti ma anche la forza e il desiderio di rinascita che hanno caratterizzato i suoi abitanti. "Sono trascorsi ottanta anni dai tragici eventi che coinvolsero e sconvolsero il nostro territorio – spiega il comitato organizzatore – una zona interessata dalla linea gotica, la linea difensiva realizzata dall’esercito tedesco sulle pendici a ridosso del paese. Circostanza che costrinse molte persone a sfollare in altri luoghi, in cerca di quella sicurezza lontana dal fronte di guerra ma che lontana non è mai stata abbastanza da evitare dolori e lutti". Nel luglio 1944 il paese fu minato e completamente distrutto, lasciando in piedi solamente la marginetta della Madonna del Soccorso, le campane poste su pali di legno e la fontana della piazza. Proprio l’edicola sacra, in via della Pace, sarà il luogo dal quale prenderà il via la celebrazione commemorativa, alle 19, con il saluto dell’amministrazione comunale, la benedizione e una riflessione del parroco don Roberto Buratti. Seguirà il corteo per le vie del paese, accompagnato dalla Filarmonica Basilio Stagi, dalla contrada La Lucertola con costumanti del corteo storico, musici e sbandieratori, da una rappresentanza della Croce Rossa Italiana, da rappresentanti di enti e associazioni, con arrivo in piazza Lorenzo Iacopi dove si terranno i saluti delle autorità, alcuni cenni storici sulla rievocazione e le esibizioni della contrada e della Filarmonica. A conclusione della cerimonia, la cena organizzata dalla parrocchia di Sant’Antonio Abate e, nella sala parrocchiale, la proiezione di un filmato a cura di Marcello Da Prato.